I cortili di tango, viaggio nel mondo del ballo argentino patrimonio Unesco

BRA

I cortili del tango è la proposta dell’associazione Tango per sabato 3 settembre, dalle 10 alle 2 del mattino seguente. Commentano gli organizzatori: «È un viaggio nel mondo del ballo argentino e nei suoi diversi aspetti: cultura popolare, storia, musica, poesia, divertimento. Il tango, patrimonio dell’umanità per l’Unesco, nasce nei sobborghi di Buenos Aires e Montevideo dall’incontro di culture e genti diverse, diventando uno stile di vita all’insegna dell’integrazione e dell’accoglienza». Il programma prevede ballo itinerante e libero lungo corso Garibaldi, oltre all’esibizione, dalle 11.30, di coppie di professionisti e performance di gruppi coreografici e tango clown.

A palazzo Traversa, museo di via Parpera, si approfondirà il rapporto tra tango argentino e Parkinson, attraverso la testimonianza del presidente dell’associazione Parkimaca Claudio Rabbia (ore 15), oltre alle esperienze di “TangoMovimentoTerapia” in ambito oncologico e di formazione (ore 16). Alle 17.30 presentazione del libro Fiore di roccia. Alfonsina Storni: l’essenza di una voce poetica di Giuliana Bagnasco, con musica, voce narrante, canto e improvvisazioni di ballo. Sotto l’ala sarà allestita l’area benessere con trattamenti shiatsu e massaggi ayurvetici; proposte anche specialità gastronomiche argentine a cura di Hempanadas Hilda.

Il finale sarà affidato alla milonga con gli Alas de tango in concerto e la dj Aurora Fornuto. Informazioni ai telefoni 328-68.54.847 (Susi) oppure 340-98.48.932 (Piermario).

v.m.