Parte dal 21 settembre la stagione di raccolta dei tartufi

TARTUFO Parte mercoledì 21 settembre in Piemonte la stagione di ricerca e raccolta del tartufo bianco e delle varietà autunnali e invernali del tartufo nero mentre nel periodo che va dal 1° al 20 settembre è in vigore il divieto assoluto di raccolta dei preziosi funghi ipogei.

Per praticare l’attività occorre essere muniti di apposito tesserino di idoneità che viene rilasciato dalla Provincia (a Cuneo in corso Nizza 21) sulla base di un esame per accertare la conoscenza, in particolare, delle norme nazionali e regionali che regolano la ricerca, la raccolta e il commercio dei tartufi freschi.

Per effettuare l’attività di ricerca (permessa fino al 31 gennaio 2017) è inoltre necessario versare alla Regione Piemonte con bollettino postale o bonifico bancari una tassa annuale di 140 euro. Il tesserino ha validità di 10 anni e può essere rinnovato per ulteriori 10 anni a seguito di nuova domanda, senza ulteriori formalità o esami. La ricerca e la raccolta dei tartufi è libera nei boschi e nei terreni non coltivati ma è vietata nei terreni privati e nelle tartufaie segnalate ai sensi della normativa vigente. È consentita anche di notte e si può effettuare solo con il cane appositamente addestrato.