Apre la mostra sull’attorpittore Felice Andreasi a Cherasco

CHERASCO
I più lo conoscono per la sua carriera di cabarettista, con i suoi trascorsi al Derby di Milano, e come attore di cinema (ricevette anche un Nastro d’argento). Felice Andreasi (1928-2005) sviluppò però sin da giovane un’altra grande passione, quella per la pittura, che lo calava nella sua dimensione più vera. Palazzo Salmatoris di Cherasco gli dedica la mostra “Felice Andreasi. L’attorpittore” che è stata inaugurata sabato 22 ottobre e rimarrà aperta sino al 22 gennaio. Si conclude così un percorso di commemorazione iniziato a fine 2015, a dieci anni dalla morte, che gli ha tributato l’associazione Piemonte movie attraverso varie iniziative.

La rassegna si articola in tre spazi. Nel primo prendono posto le opere, più di ottanta tra dipinti e disegni, suddivise in sette temi: paesaggi, fiori e natura morta, animali, nudi, autoritratti, ritratti e soggetti religiosi. La seconda sezione è dedicata alla vita dell’artista: si possono vedere foto in cui Andreasi è ritratto con colleghi dello spettacolo oppure mentre dipinge; gli strumenti di pittura, due pubblicazioni e il manoscritto di un suo monologo. Nella terza parte è la moglie Grazia che racconta il suo legame, anche nella passione comune per la pittura, con sette sue opere. Completano il percorso tre documentari, montati in collaborazione con Rai teche: Felice l’attore che dipinge di Antonio De Lucia ed Enrico Venditti; Taccuino piemontese di Giovanni Arpino e Andreasi nei programmi tv della Rai.

La direzione è di Alessandro Gaido, con la collaborazione di Antonio De Lucia, le curatrici della parte pittorica sono Sara Merlino e Maura Novelli. “Felice Andreasi. L’attorpittore” rimarrà aperta da mercoledì a venerdì dalle 14.30 alle 18.30, sabato e festivi l’orario sarà 9.30-12.30 e 14.30-18.30.
Cristiano Lanzardo