Il carro agricolo dipinto non piace a tutti

SANTO STEFANO BELBO Provocazione o verità? È la domanda che si sono posti molti utenti di Facebook alla notizia apparsa sulla pagina de “La pupazza”, giovane artista leccese, classe 1985. Il post riferisce di un carro della vendemmia dipinto per l’azienda vitivinicola Santero da Eleonora De Giuseppe (questo il vero nome della writer) e che diventerà «una statua nella piazza del paese». Non sono mancate le perplessità in quanto l’opera d’arte costituirebbe un monumento non al Moscato d’Asti Docg, simbolo di Santo Stefano, ma allo spumante Santero 958.

«Abbiamo sposato l’arte della Pupazza già alcuni mesi fa con una linea di prodotti. Si tratta di una grande artista che collabora con marchi prestigiosi come Piaggio e ad eventi importanti come La notte della Taranta. Abbiamo deciso di sorteggiare uno tra i nostri conferitori e di far decorare il suo rimorchio della vendemmia per renderlo un pezzo d’arte unico», spiega Gianfranco Santero.

Sulla collocazione, che tanto ha fatto storcere il naso a viticoltori e amanti del vino, Santero non si sbottona, ma si parla di un possibile tour per rendere l’opera d’arte ammirabile nei 52 Comuni di produzione.

Lorenzo Germano