Contributi regionali alla protezione civile: alla Granda va il 35% dei fondi

REGIONE Il Settore Protezione Civile e Sistema Aib della Regione, seguendo i criteri stabiliti dalla Giunta Chiamparino, su proposta dell’assessore, Alberto Valmaggia, ha reso note le graduatorie di assegnazione dei contributi per sostenere le attività di protezione civile effettuate dagli Enti locali sul territorio piemontese. Gli assi di partecipazione al finanziamento erano due: l’acquisto di materiale per la tutela dei volontari del settore con l’obiettivo di migliorare la sicurezza delle loro attrezzature disponibili e le esercitazioni di manutenzione idraulica per il controllo della vegetazione nell’alveo dei fiumi. Venivano considerate prioritarie le domande inoltrate dalle Aggregazioni di Comuni rispetto a quelle dei singoli Comuni, con contributi fino al 70% rispetto ai preventivi di spesa e per un importo massimo di 10.000 euro nel primo caso e di 2.000 euro nel secondo.

I dati.

Il Bando aveva in dotazione 480.000 euro. In Piemonte hanno ottenuto l’ammissione 150 domande (28 delle Unioni di Comuni e 122 dei singoli Comuni) presentate sui due assi, mentre 10 (4 delle Unioni di Comuni e 6 dei singoli Comuni) sono state escluse perché risultavano difformi o carenti rispetto alla documentazione prevista. Le istanze accolte riceveranno un finanziamento complessivo di 424.176 euro, su una richiesta di 698.413 euro. La Provincia di Cuneo, in particolare,  ha visto accolte 46 domande (11 delle Unioni di Comuni e 35 dei singoli Comuni, il 30% delle 150 ammesse), con un importo ottenuto di 148.729 euro, pari al 35% dei fondi totali erogati su una richiesta di 231.561 euro. Due domande sono state escluse.

Domande per l’acquisto di materiale.

A livello di acquisto del materiale, nell’intero territorio della Regione su 146 proposte avanzate ne sono state ammesse 138 (27 delle Unioni di Comuni e 111 dei singoli Comuni), con una richiesta di 645.909 euro finanziata per 394.146 euro. In provincia di Cuneo, invece, su 41 domande presentate ne sono state ammesse 40 (10 delle Unioni di Comuni e 30 dei singoli Comuni): il 29% delle 138 complessive. La richiesta avanzata di 202.447 euro nella ripartizione ha ottenuto 130.693 euro (il 33% del totale di 394.146 euro).

Domande per le esercitazioni di manutenzione dei fiumi.

Per quanto riguarda le esercitazioni di manutenzione dei fiumi in Piemonte su 14 istanze inoltrate ne sono state ammesse 12 (1 di un’Unione di Comuni e 11 di singoli Comuni), con la richiesta di 52.504 euro finanziata per 30.030 euro. In provincia di Cuneo su 7 domande presentate ne sono state accolte 6 (1 di un’Unione di Comuni e 5 di singoli Comuni): il 50% delle 12 complessive. Sulla cifra richiesta di 29.114 euro il contributo è stato di 18.036 euro: il 60% dei 30.030 euro finanziati complessivamente.

Il commento dell’assessore Valmaggia.

«Attraverso questi contributi cerchiamo di aiutare la Protezione Civile, settore di fondamentale importanza per la salvaguardia del territorio» ha commentato l’assessore Alberto Valmaggia, che ha aggiunto: «Due sono gli obiettivi principali che intendiamo raggiungere: il sostegno della sicurezza dei volontari del comparto e, con le esercitazioni, la promozione delle attività di prevenzione e di contenimento del rischio tramite l’addestramento degli stessi operatori».