Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Roero pronto alla Biteg. La scommessa sono gli Stati Uniti

CANALE Al castello Malabaila, in arrivo 40 operatori da tutto il mondo
Saranno i paesaggi vitivinicoli patrimonio dell’umanità a fare da sfondo alla 17ª edizione della Biteg, Borsa internazionale del turismo enogastronomico, che si svolgerà dal 10 al 14 novembre al castello Malabaila, con il dichiarato obiettivo di attirare sempre maggiori flussi turistici, in particolare dagli Stati Uniti.

Quaranta i tour operator internazionali attesi da Europa e da Oltreoceano, più di cento i rappresentanti delle diverse regioni italiane.
Il venerdì e il sabato mattina gli operatori lavoreranno nel castello, mentre il sabato pomeriggio e la domenica visiteranno varie zone del Piemonte per averne una migliore percezione.

Questa edizione della Biteg, come sottolinea Antonella Parigi, assessore regionale a cultura e turismo, «è la dimostrazione delle collaborazioni che pubblico e privato possono attivare per far crescere progetti con ricaduta culturale, turistica ed economica importante».

Tra le novità di questa edizione si segnala che Biteg è stata progettata e realizzata da Regione, Sviluppo Piemonte turismo e il partner privato Olos group, che cofinanzierà l’evento per poi assumerlo completamente in carico dall’anno prossimo fino al 2020.

Altra grande novità sarà il lancio, attraverso Biteg, della piattaforma internazionale Nice to meet you (NtmYOU), per la comunicazione fra operatori nel settore turistico, enogastronomico e agroalimentare, che realizza azioni in tutto il mondo, con un focus sugli Stati Uniti.

Oltre ai seller in arrivo da tutta Italia la Biteg vedrà anche la partecipazione istituzionale della Regione Liguria, con l’agenzia In Liguria, e della Lombardia, con Explora, pronte, insieme al Piemonte e a Sviluppo Piemonte turismo, a proporsi come macroregione turistica, un progetto nato a seguito della firma di un protocollo d’intesa fra i presidenti delle tre Regioni, che ha portato, già da un anno, a sviluppare azioni di promozione congiunta.

Sul numero di Gazzetta in edicola tutti i dettagli sulla rifroma delle società partecipate, che costringe l’Enoteca del Roero a chiudere entro aprile.

e.c.