Il centro Giovanni Arpino chiuso per la messa in sicurezza

BRA L’auditorium del centro polifunzionale Giovanni Arpino chiuderà i battenti per circa tre mesi per essere messo a norma, dopo che i suoi muri sono stati recentemente dipinti di un bel colore beige e al suo interno sono state collocate sedie di plastica nera, con il logo “Città di Bra” sullo schienale. La risistemazione della struttura di largo della Resistenza era stata finanziata dalla ditta Baratti & Milano, con sede a Bandito.
A questo intervento ne era seguito un altro dedicato all’impianto audio, ormai obsoleto, con l’installazione di un nuovo amplificatore, di un mixer e di moderni microfoni, che hanno reso più funzionale la struttura.

Certificato prevenzione incendi

Adesso, per poter ottenere dai Vigili del fuoco il rinnovo del certificato di prevenzione incendi, è necessario intervenire con appositi adeguamenti sull’impianto elettrico.
Commenta l’assessore ai lavori pubblici Luciano Messa: «I tecnici della ditta Givi di Giuliano, di Sommariva del Bosco, dovranno occuparsi della revisione e della sostituzione dei quadri elettrici, dei fili e di alcuni corpi illuminanti, così da poter ottenere dai Vigili del fuoco il certificato di prevenzione incendi». L’importo di questo lavoro, che dovrebbe essere concluso entro la metà di aprile, è di circa 30mila euro, che saranno erogati dalle casse comunali.
Il centro Arpino, oltre all’auditorium, offre una sala conferenze (120 posti a sedere). Per utilizzare la struttura, per conferenze, manifestazioni e rappresentazioni, occorre presentare domanda all’Ufficio turismo e manifestazioni (0172-43.01.85).

v.m.