Doppio sopralluogo al carcere di Alba, chiuso ormai da un anno

Il carcere Montalto di Alba

CRONACA Doppio sopralluogo ieri al carcere Montalto di Alba chiuso da gennaio 2016 dopo un’epidemia di legionella che aveva reso necessario il trasferimento di tutti i detenuti. Prima nella struttura si sono recati  i tecnici incaricati si svolgere i lavori necessari a rendere l’edificio di nuovo agibile. Poi una delegazione, guidata dall’europarlamentare albese Alberto Cirio e altri rappresentanti della politica locale che hanno incontrato la direttrice Giuseppina Piscioneri e il comandante della polizia penitenziaria Giuseppe Colombo. Con loro anche il garante regionale dei detenuti, Bruno Mellano.

A conclusione del “tour” Cirio ha affidato ad un video messaggio on line le sue considerazioni: «Non c’è ancora un progetto – ha detto –  e nella migliore delle ipotesi il carcere potrebbe riaprire nel 2018 e solo in parte. Continuano i disagi per gli agenti di polizia penitenziaria destinati a Saluzzo o Asti». Nel messaggio anche un affondo politico: «Il sindaco di Alba Marello ha dormito su questa vicenda come su molte altre, a partire dal tribunale».

Erica Asselle