Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Tutti gli incontri albesi per ricordare l’Olocausto: testimonianze, film, mostre

GIORNATA DELLA MEMORIA Era il 27 gennaio 1945, quando le truppe sovietiche aprirono i cancelli di Auschwitz. La data è stata scelta per ricordare le vittime dell’Olocausto, i perseguitati dalle leggi razziali e i deportati politici e militari della Germania nazista nella Giornata della memoria. Alba propone un calendario di eventi, organizzati dagli istituti scolastici, dall’associazione Beato padre Giuseppe Girotti e dalla sezione cittadina dell’Anpi.

Proiezioni, testimonianze

Elia Somenzi

Il 26 gennaio, alle 9, nella chiesa di San Giuseppe, sarà proiettato il documentario Elia Somenzi. Lotta partigiana e protezione degli ebrei: gli alunni delle scuole medie di Alba hanno raccolto la testimonianza di uno degli ultimi superstiti della lotta di Liberazione. Durante la stessa mattinata, alle ore 10.30 in sala Ordet, il circolo AlbaNova della parrocchia di Cristo Re proporrà Quelli che raccontano…, la testimonianza del partigiano Davide Schiffer, insieme al documentario
Primo ufficio dell’Uomo, realizzato dal centro studi nazionale Primo Levi. Interverranno gli studenti delle quinte del liceo scientifico Leonardo Cocito, con letture e riflessioni.

La mostra

Sempre il 26 gennaio, alle 10, nella chiesa di San Giuseppe sarà inaugurata la mostra “Lager. Storia dei campi di sterminio”, curata dall’Aned di Milano. Sarà visitabile fino al 9 febbraio, la mattina su prenotazione e il pomeriggio dalle 15 alle 19.

Il giorno seguente, 27 gennaio, alle ore 17, il sindaco Maurizio Marello deporrà una corona di alloro sul monumento
ai Caduti nel giardino di via Roma, dedicato alle vittime dei campi di sterminio. In serata, alle 20.30 nella sala Padre Girotti della chiesa di San Giuseppe, si potrà assistere alla proiezione del film Il grande dittatore, capolavoro di Charlie Chaplin. L’ingresso è gratuito e aperto a tutti.

Sabato 28 gennaio, alle 17 nel santuario della Moretta, sarà celebrata una Messa in ricordo di padre Vincenzo Prandi, assassinato nelle Filippine per aver tentato di difendere i suoi parrocchiani. Domenica 29 gennaio, alle 9, la chiesa del Divin Maestro ospiterà la Messa in suffragio delle vittime delle persecuzioni razziali. Seguirà un corteo per deporre la corona di alloro commemorativa in via Beato padre Girotti. L’istituto comprensivo Quartiere Piave-San Cassiano, con l’associazione Italia-Israele e il Comune, ha organizzato per venerdì 3 febbraio due incontri con lo storico Claudio Vercelli: alle 9.30, nell’anfiteatro della scuola Rodari, e alle 11.30, nell’aula magna.

f.p.