Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Alba celebra un’icona tra le auto d’epoca: 180 Cinquecento Fiat a raduno

ALBA Piccola, tonda e colorata, la Cinquecento è una delle autovetture più iconiche della storia. Ideata nel 1957 per casa Fiat dall’ingegner Dante Giacosa, di Neive, quest’anno festeggia il sessantesimo compleanno. Domenica 18 marzo si è svolto ad Alba, tra via Snider e piazza Cagnasso, l’undicesimo raduno organizzato dal Fiat 500 club Italia Alba-Bra-Asti. Dai grandi classici alle varianti più eccentriche, centottanta le autovetture arrivate fin dalle prime ore del mattino.

All’11° raduno albese appassionati da tutto il Nord Italia

A bordo gli appassionati, provenienti soprattutto dal Nord Italia. Clacson alla mano, sono accomunati dalla passione e dall’entusiasmo. Diego, per esempio, si è innamorato della 500 facendo il meccanico, mentre Gianni ha realizzato un piccolo sogno: “È un’auto che ho sempre amato, ma da giovane non me la potevo permettere. Insieme alla Vespa, è un orgoglio italiano”. Accanto a loro c’è il pluripremiato Dante da Boglietto, seduto sulla sua 500 C: «Questa versione è la prima messa in commercio, di cui rimangono pochi esemplari. Da ragazzo presi la patente proprio guidando una 500 C, per questo ho voluto ricomprarla a così tanti anni di distanza». E aggiunge orgoglioso: «La mia auto è  un esemplare del 1950, perfettamente funzionante».

Anche Giovanni è arrivato ad Alba al volante di una vettura preziosa: «La mia è una 500 Belvedere, datata 1954 e con milleseicento chilometri percorsi. È molto pratica e non esige di particolare manutenzione, a parte qualche modifica per adeguarla ai parametri di oggi». Ma non ci sono solo veterani, perché il Cinquino sa ammaliare anche i più giovani. «A quindici anni ho chiesto ai miei genitori di comprarmi una 500. Oggi ho anche il nuovo modello, ma preferisco di gran lunga guidare quella d’epoca», racconta Matteo da Imperia. Venticinque anni, ama viaggiare sulla sua utilitaria insieme alla fidanzata: «Ci piace essere giovani a bordo di un pezzo di storia», raccontano.

Lo sanno bene anche Luca e Emanuele di Busca, trentadue e ventisette anni: «Le auto d’epoca sono le migliori, così abbiamo deciso di concretizzare il nostro sogno». Un ambiente solo per uomini? Certo che no, come raccontano alcune mogli di appassionati provenienti dalla Lombardia: «Ci piace seguire i nostri mariti ai raduni, insieme ai figli o ai nipoti. È un amore che ha coinvolto tutta la famiglia: la domenica ci trasformiamo in allegri vagabondi sulle nostre 500».

Ecco, nella fotogallery realizzata da Severino Marcato, le immagini più belle del raduno albese dei Cinquini.

Francesca Pinaffo