Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Cherasco: una centrale elettrica nel letto del Tanaro

CHERASCO Un impianto idroelettrico nel letto del fiume Tanaro, da costruire in un tratto rientrante nel territorio dei Comuni di Cherasco e La Morra. La richiesta, avanzata dalla società Edison, sarà sottoposta all’esame della Conferenza dei servizi (organismo che raduna tutti gli enti a vario titolo competenti in materia), che si radunerà giovedì 16 marzo nella sede della Provincia a Cuneo.
Il progetto proposto dalla Edison prevede di sfruttare il salto d’acqua già esistente presso la traversa fluviale, posta nei pressi dell’imbocco del canale Enel di Verduno, finalizzandola alla produzione di energia elettrica.
Gli elaborati tecnici prevedono l’installazione di un “modesto sbarramento mobile” costituito da materiale elastico gonfiabile il cui effetto verrebbe eliminato in caso di piena del fiume.
L’impianto, classificato piccolo e di media portata, non dispone di capacità d’invaso: posto sulla destra orografica del Tanaro, verrebbe dotato di tre turbine in grado di offrire circa 14,4 gigawatt in un anno idrologico medio. Dal salto di circa cinque metri di altezza si sfrutterebbero portate d’acqua comprese tra 4,5 e 85 metri cubi al secondo, in base alla stagione e all’andamento della portata delle piogge.
Il procedimento dovrebbe terminare ai primi di maggio e spetterà alla Provincia rilasciare l’autorizzazione.
Cristiano Lanzardo