Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

«Il mercato sta ripartendo»

INCHIESTA / 5 Parliamo ora con Enrico Garino, il consulente storico di Tecnocasa per l’Albese. Quali sono gli immobili più richiesti ad Alba? «Nel centro prevalgono le abitazioni costruite tra gli anni ’50 e ’70. La domanda di acquisto si orienta su trilocali e quadrilocali. Tra le zone preferite ci sono sempre il centro (un usato medio costa 2.000 euro al metro quadrato, un signorile nuovo anche 4.000), corso Europa (1.250 euro al mq), corso Piave (1.350 euro) e corso Langhe (1.550 euro)».

«Alla Moretta un economico usato può arrivare a 900 euro al metro, a San Cassiano fino a 750. Rispetto al secondo semestre del 2015 le quotazioni in Alba sono diminuite in media poco, dell’1,5 per cento. Il mercato è di nuovo in movimento per una ragione: i proprietari si “sono messi il cuore in pace” e hanno adeguato i prezzi».

E gli affitti come vanno?

«Anche in questo caso il mercato è in ripresa, direi soprattutto grazie all’arrivo in città di molti dipendenti della Ferrero, che fino a pochi mesi fa lavoravano negli uffici di Pino Torinese. La tipologia richiesta per l’affitto in questo momento è il bilocale».

I mutui richiesti dai piemontesi per la casa incrementano?

«Il nostro Centro studi spiega che le famiglie piemontesi nel terzo trimestre del 2016 hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per 883,2 milioni di euro, un dato che colloca il Piemonte al sesto posto in Italia per cifre erogate dalle banche. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente si registra una variazione positiva pari al +8,5%, per un controvalore di +68,9 milioni di euro».

Sembra che il mercato sia in fase di evoluzione.

«Certo! Se si osserva l’andamento delle erogazioni nei primi nove mesi dell’anno scorso e si analizzano i volumi da gennaio a settembre, la regione mostra una variazione positiva per il 23,4 per cento. Il controvalore è di 516,8 milioni di euro. Sono dunque stati distribuiti in questi primi nove mesi ben 2.700 milioni di euro, volumi che rappresentano il 7,63% del totale nazionale. Le statistiche risultano in aumento da quasi tre anni».

m.g.