Niente sosta sotterranea nel nuovo supermercato di corso Europa

ALBA Grande partecipazione di cittadini all’assemblea del 9 marzo organizzata dal comitato di quartiere di San Cassiano. Il presidente Gianfranco Cassinelli ha aperto l’incontro elencando le tematiche più sentite nella zona. Presenti oltre al sindaco Maurizio Marello, il comandante dei Vigili Antonio Di Ciancia, gli assessori Alberto Gatto, Massimo Scavino, Gigi Garassino e tanti consiglieri comunali.
Marello ha comunicato che è in corso di realizzazione la casetta dell’acqua e che è stato aperto in corso Europa il nuovo distributore per il rifornimento di auto a metano. Sta anche avanzando il progetto della tartufaia all’interno del Percorso vita.

Nuova collocazione

Ai presenti il sindaco ha illustrato la nuova collocazione del supermercato Mercatò di corso Europa che sarà spostato nei pressi della rotatoria tra corso Piave e strada Castelgherlone. Si è resa necessaria una variante al Piano regolatore poiché gli scavi preliminari per studiare l’area hanno fatto affiorare reperti archeologici, non sarà quindi possibile fare dei parcheggi sotterranei ed è stato richiesto un innalzamento dell’edificio a 11 metri rispetto ai 9 del progetto iniziale.
«Resta invariato lo spazio occupato – ha detto Marello – migliorerà sia la qualità e la fruibilità degli spazi verdi urbani con l’inserimento di un’area per il gioco libero sia la viabilità. L’accesso per gli autocarri sarà sul lato opposto a corso Europa con una barriera verde».
In tema di sicurezza e decoro urbano è stato presentato un intervento su tutta la segnaletica orizzontale con un finanziamento di 90mila euro che riguarderà piste ciclabili, attraversamenti e parcheggi. Si sta anche lavorando al collegamento in rete delle telecamere cittadine collegate con le forze dell’ordine.
Il comandante Di Ciancia ha presentato il nuovo vigile di quartiere Barbara Maccagno e ha assicurato che Vigili e Carabinieri saranno di pattuglia di sera e di notte. Fra le richieste dei residenti c’è un maggior controllo dei parcheggi selvaggi soprattutto sulle piste ciclabili.
Bruna Bonino