Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

A 14 anni dalla gara per la concessione il Governo rinuncia al tunnel di Verduno e opta per la soluzione in superficie

Oggi a Cherasco l’autostrada finisce… in un campo.

ASTI-CUNEO Il Ministero delle Finanze nel Def Documento di economia e finanza, presentato il 12 aprile, inserisce la revisione progettuale dell’Asti-Cuneo. Come anticipato dal Ministro Graziano Delrio nella visita lampo a Cuneo, a marzo, dopo oltre 10 anni di stop del cantiere dovuto anche ai costi esosi per la realizzazione del tunnel di Verduno, il Governo si prepara a rivedere il piano altimetrico dell’autostrada optando per la soluzione in superficie, costo 310 milioni contro i 689 milioni di euro del tunnel a doppia canna.

Il consigliere albese Emanuele Bolla (Fratelli d’Italia) ha protocollato un’interrogazione rivolta al primo cittadino: «Ho chiesto al Sindaco chiarimenti su quali siano le valutazioni dell’amministrazione su questa revisione progettuale. Se fosse confermata la revisione del progetto, mi chiedo il perché si sia dormito per anni, raccontando alla gente che l’opera si sarebbe fatta secondo un progetto che oggi non va più bene. Sono inoltre preoccupato per il destino delle importanti opere complementari, che sono fondamentali per la nostra città».

«Capisco le perplessità del consigliere, sono le stesse che ho espresso nei mesi scorsi di fronte alla revisione di un progetto che era stato approvato anni fa. Fu il Ministero dell’Ambiente a bocciare la soluzione in superficie tornata ora in auge. Si sarebbero potuti evitare anni di ritardi», commenta il sindaco che aggiunge: «In questo caso direi che si sta andando avanti sull’iter annunciato da Delrio di revisione del progetto e non verso un’ulteriore battuta d’arresto. Vogliamo l’Asti-Cuneo e le opere complementari e non faremo passi indietro. Questa zona è stufa di aspettare ciò che le compete per diritto: dei collegamenti adeguati».

Invita alla calma l’onorevole Mariano Rabino, presidente di Scelta Civica, che annuncia che nel giro di 15 giorni proporrà un’interrogazione nel question time alla Camera, indirizzata al Ministro Delrio per dissipare i dubbi e ribadire al titolare del Dicastero l’importanza del completamento dell’autostrada.

Marcello Pasquero