Fossano: secondo l’Anas il crollo potrebbe essere dovuto a vizi di costruzione dello svincolo

FOSSANO Potrebbe essere stato causato da “vizi costruttivi dell’opera” il cedimento dello svincolo per Marene della tangenziale di Fossano. E’ quanto afferma l’Anas.

Ai primi rilievi tecnici appare infatti “anomalo il cedimento improvviso e così repentino della campata, senza alcuna preventiva evidenza di problematiche strutturali, tenuto anche conto che l’opera è stata realizzata negli anni ’90 e che al momento del cedimento non era interessata da carichi significativi”.

Tecnici dell’Anas al lavoro, a Fossano, per stabilire le cause del crollo della rampa di accesso della tangenziale. Il sopralluogo, secondo quanto appreso, servirà a stabilire come procedere con gli accertamenti. E’ probabile che l’infrastruttura collassata venga ‘vivisezionata’ e disposta a blocchi su un terreno adiacente alla strada per essere analizzato.

Istituita dal presidente dell’Anas, Gianni Vittorio Armani, la commissione d’inchiesta è presieduta dal generale dei carabinieri Roberto Massi, direttore della Tutela Aziendale di Anas, ed è composta da due ingegneri strutturisti ed esperti di tecniche costruttive. Sulle cause del crollo, al momento, non viene esclusa nessuna ipotesi. Le analisi dovranno stabilire se il crollo sia dovuto ai progetti, all’esecuzione dei lavori, ai materiali utilizzati o alla manutenzione dell’infrastruttura.

Il cedimento ieri pomeriggio. Una rampa di collegamento del viadotto della tangenziale di Fossano, nel Cuneese, è crollata improvvisamente sulla strada sottostante, via Marene. Distrutta un’auto dei carabinieri, che stava effettuando un posto di blocco. I militari, secondo le prime informazioni, hanno sentito degli scricchiolii e hanno fatto in tempo a mettersi in salvo. In via precauzionale, la polizia locale, con l’ausilio delle altre forze dell’ordine, sta lavorando alla chiusura totale della tangenziale. Sul posto vigili del fuoco e personale comunale stanno cercando di comprendere le cause del collasso della struttura.

“Siamo due miracolati”, dicono i due carabinieri scampati al crollo. Si tratta di un carabinieri di 25 anni e di un maresciallo aiutante di 55, entrambi in servizio presso la stazione di Fossano. Sotto choc, i due militari sono stati visitati sul posto dal 118. Sul posto, per sincerarsi delle loro condizioni, il comandante della stazione di Fossano, maggiore Danilo Barbabella.

Ansa