Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

Alba accoglie allevatori e produttori terremotati dei Monti Sibillini

ALBA Da venerdì 19 a domenica 21 maggio Alba ha ospitato la cooperativa agricola di allevatori e produttori terremotati dei Monti Sibillini che hanno proposto in vendita le eccellenze della propria terra. Prosciutto di Norcia, pecorino, lenticchie di Castelluccio, salumi, pasta, biscotti e altre delizie.

A visitare lo stand con i prodotti delle zone terremotate anche il sindaco di Alba Maurizio Marello e l’assessore comunale all’agricoltura Massimo Scavino insieme a Gianni Ramello dell’associazione “Mercato della terra Italo Seletto”.

A organizzare l’iniziativa è stato il gruppo “Lab.oratorio della parrocchia Santa Margherita” di Alba. Il rapporto con gli allevatori e i produttori dei Monti Sibillini  è nato dopo un aiuto economico da parte del gruppo di volontariato albese ad alcuni allevatori di Visso, Pieve Torina, Spelonga (frazione di Arquata del Tronto), Monte San Martino e Gualdo. Da qui il collegamento anche con la Cooperativa della lenticchia di Castelluccio di Norcia che ingloba produttori e allevatori di quella zona vendendo i loro prodotti in giro per l’Italia perché dopo il  terremoto dell’estate e dell’autunno 2016 nei loro territori non riescono più a smerciare le proprie tipicità.

«Domenica prossima saremo a Brignano Gera d’Adda» spiega Sante Coccia presidente della Cooperativa della Lenticchia di Castelluccio di Norcia. «Il 2 giugno saremo al Castello di Masino nell’ambito della fiera “Paesi e paesaggi del gusto”. Giriamo vendendo in giro per l’Italia le nostre eccellenze. Il vostro aiuto, la vostra accoglienza, l’acquisto delle nostre tipicità significa aiutare tante persone sui nostri territori martoriati. Noi portiamo in giro non solo i prodotti di Norcia ma anche di Amatrice, di Visso, di 30 aziende di quelle zone. Da noi i turisti non possono venire perché le strade sono interrotte, non c’è ricettività, pochi ristoranti hanno riaperto, per questo ci siamo presi noi l’impegno di andare a vendere fuori dove i sindaci ci ospitano. Ci muoviamo con i furgoni ed andiamo in tre o quattro per città. Portiamo in giro i prodotti delle aziende che non hanno la possibilità di muoversi, vendiamo ed il ricavato lo portiamo a loro. Cerchiamo così di dare una mano alle piccole aziende che ne hanno bisogno».

Secondo quanto  dicono Giuseppina Borgogno e Silvana Silvestro del “Lab.oratorio della parrocchia Santa Margherita”,  le quattro persone della Cooperativa della lenticchia sono arrivate ad Alba venerdì 19 maggio.  In città sono state accolte dai membri del  “Lab.oratorio della parrocchia Santa Margherita” mentre i pernottamenti in albergo sono stati pagati da Banca d’Alba. Venerdì sera il gruppo ha partecipato al concerto ad offerta libera “Un mondo a colori” nella chiesa di San Cassiano. Il ricavato andrà alle persone in difficoltà nelle zone terremotate.  Mentre domenica sera le persone della Cooperativa della lenticchia sono state ospiti del circolo Scaparoni di Alba.