Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

In Piemonte per iscriversi a scuola basterà la prenotazione dei vaccini obbligatori

VACCINI Accettare l’iscrizione a scuola anche per i bambini che non sono vaccinati, ma le cui famiglie hanno comunque prenotato le vaccinazioni presso l’Asl competente: è la proposta che l’assessore alla Sanità Antonio Saitta ha avanzato intervenendo in Consiglio regionale sul tema della prossima applicazione del decreto vaccini approvato dal Governo.

L’obiettivo della Giunta regionale è quello di ridurre il più possibile le difficoltà e i passaggi burocratici a carico delle famiglie, consentendo l’accesso alla scuola non soltanto a chi ha già fatto i vaccini obbligatori ma anche a chi ha prenotato le sedute vaccinali.

Per questo motivo l’assessore alla Sanità sta valutando un’ulteriore operazione: concordare con le Asl ed il Miur la possibilità per le famiglie di effettuare la richiesta di vaccinazione contestualmente all’iscrizione all’anno scolastico, possibilmente attraverso un modulo unico concordato con tutte le Asl e messo a disposizione delle scuole e delle stesse famiglie.

In Piemonte, secondo le prime stime, sono 22.850 i bambini e i ragazzi da vaccinare per un totale di 264mila sedute e un costo di oltre 7 milioni di euro. Per quanto riguarda il finanziamento, la Regione Piemonte, anche nel suo ruolo di coordinamento della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, ha chiesto al Governo di anticipare i fondi già previsti per i prossimi anni sul Piano nazionale di prevenzione vaccinale. Intanto, in attesa della pubblicazione del decreto, l’Assessorato alla Sanità ha già iniziato a organizzarsi.

L’intenzione di corso Regina Margherita è coinvolgere istituti scolastici e operatori delle Asl, utilizzando tutte le strade possibili per semplificare le procedure per le famiglie. Verrà chiesto anche un incontro con i pediatri di libera scelta per trovare una modalità di collaborazione. Allo stesso tempo, l’assessore solleciterà a livello nazionale una grande campagna di informazione e di sensibilizzazione sul tema e un’attività di formazione rivolta agli operatori scolastici.