L’associazione Letizia finanzia il sostegno ai disabili

ALBA «Letizia nasce grazie al contatto avuto con alcune famiglie di ragazzi disabili che svolgevano terapie a condizioni economiche agevolate al centro Ferrero. Alcuni cambiamenti normativi hanno imposto alle famiglie di caricarsi dell’intero costo di queste terapie. E da qui sono nati i problemi», spiega Emanuele Bolla, vicepresidente dell’associazione.
«I ragazzi traevano giovamento da musica e arte, ma l’intero costo è insostenibile per le famiglie. Ho chiesto di ripristinare le agevolazioni, anche tentando un intervento con il sindaco di Alba. Fallito questo tentativo, abbiamo deciso di costituire un’associazione per raccogliere fondi senza chiedere un centesimo al pubblico».
La prima iniziativa di Letizia è stata la vendita di un calendario realizzato con le opere dei ragazzi disabili del centro; il ricavato sarà impiegato per finanziare due mesi di terapie espressive a cui potranno accedere 20 ragazzi, che riceveranno un’agevolazione pari a metà del costo.
«Intendiamo incrementare la raccolta fondi attraverso nuove iniziative. Oltre a ciò garantiamo la trasparenza di ogni raccolta», specifica Eleonora Marra, presidente dell’associazione raggiungibile tramite la pagina Facebook “Progetto Letizia” e via mail all’indirizzo associazio neletizia@gmail.com.
Cinzia Grande