Protesta richiedenti asilo a La Morra: il Comune attende novità dalla Prefettura

LA MORRA Ottobre 2016: all’hotel Santa Maria vengono ospitati 40 migranti maschi e in giovane età. La famiglia Giardino, titolare della struttura ricettiva fornisce a questi ospiti il vitto, l’alloggio, il vestiario, la formazione linguistica, l’orientamento sul territorio, mentre il Comune,pur non essendo chiamato in causa da obblighi, ha cercato di rendere il più semplice possibile la loro integrazione all’esterno della struttura ospitante.

Maggio 2017: dopo otto mesi, martedì 30, c’è stato un problema all’hotel Santa Maria con momenti di tensione. Se da una parte queste situazioni non sono mai piacevoli, dall’altra possono essere considerate come la conseguenza di mesi di stallo in cui il nervosismo può essere cresciuto. Ora il Comune si sta muovendo per capire come risolvere al più presto questo problema, soprattutto per rendere più tranquilli i migranti che continuano a essere ospitati in una struttura dalla quale vorrebbero partire al più presto. Questo non perché il trattamento non sia soddisfacente, ma perché la speranza di raggiungere parenti e amici continua ad alimentare la loro mente.

Il sindaco Marialuisa Ascheri attende novità dalla Prefettura: «Oggi (mercoledì 31 maggio) c’è stato un incontro tra un nostro assessore e il Prefetto. Nei prossimi giorni le idee dovrebbero essere più chiare per il bene dei richiedenti asilo. La situazione che abbiamo vissuto martedì deve fare riflettere: umanamente sono stata toccata nel cuore ed il Comune farà di tutto per rendere la permanenza degli ospiti di nuovo tranquilla, e per creare un clima di collaborazione con i cittadini».

Livio Oggero