Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Cerimonia in memoria delle vittime dell’Heysel con un pensiero a Erika Pioletti

BRUXELLES Due corone di fiori per non dimenticare le 39 vite spezzate il 29 maggio del 1985, a Bruxelles, poco prima dell’inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool.E una rosa bianca per Erika Pioletti, la giovane donna vittima del panico che ha travolto Piazza San Carlo, a Torino, durante la finale di Champions League, poche settimane fa.

È il ricordo che il Parlamento Europeo ha voluto rivolgere a due fatti diversi, lontani nel tempo e nello spazio, ma uniti dal dolore per un giorno di sport trasformato in tragedia.

Giovedì 29 giugno davanti alla lapide che nella capitale belga ricorda i nomi di tutte le vittime, erano presenti, accompagnati dall’eurodeputato Alberto Cirio, Andrea Lorentini, presidente dell’Associazione familiari vittime dell’Heysel, Beppe Franzo, presidente dell’Associazione amici di via Filadelfia e i rappresentanti di numerosi club bianconeri di Piemonte, Lombardia e Liguria.

Accanto a loro anche il gonfalone della Juventus, con Paolo Garimberti, presidente dello Juventus Museum, e Gianluca Pessotto, team manager della Primavera Juventus.

«Per anni qui a Bruxelles si è voluto dimenticare – ha sottolineato l’eurodeputato Alberto Cirio – quasi a negare le responsabilità per quanto era successo. Il nostro impegno sarà quello di ricordare. Perché ciò che è avvenuto recentemente a Torino dimostra, purtroppo, che il tema della sicurezza negli eventi sportivi è ancora oggi di forte attualità».

La cerimonia di commemorazione è stata preceduta da una tavola rotonda al Parlamento europeo, a cui ha preso parte anche il presidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani.

L’incontro si è concluso con l’intenso monologo dell’attore David Gramiccioli “Heysel: tutti sapevano, tranne loro”.