Lavori: a Bra la stazione ferroviaria sta cambiando volto

BRA L’investimento è di quelli importanti, tanto che sfiora i 4 milioni di euro. Con questo denaro Rfi (Rete ferroviaria italiana) sta cambiando il volto della stazione braidese: maquillage totale alla facciata, nuovi marciapiedi e pensiline, ristrutturazione dell’atrio, nuovi servizi igienici, rifacimento della facciata, realizzazione di mappe tattili e un nuovo ingresso pedonale, che permette l’accesso sicuro al primo marciapiede.
La stazione braidese venne aperta la prima volta nel 1855: al tempo era posta lungo la linea Alessandria-Cantalupo-Cavallermaggiore.

Servizio ferroviario metropolitano Sfm4

Dal dicembre 2012 è servita dal Servizio ferroviario metropolitano Sfm4 e dal 2016 è collegata – con una linea elettrificata – alla città di Alba. Alla presentazione dei lavori, il sindaco Bruna Sibille ha detto: «L’intervento che state svolgendo sul nostro edificio storico, con lavori che creano anche un valore aggiunto alla nostra economia, va nella direzione di un restyling totale dell’immobile». Poi ha ricordato che il padre ferroviere aveva scelto di abitare, con la sua famiglia, nella «casa dei ferrovieri», ancora oggi attiva.
Commenta Paolo Grassi, direttore compartimentale Piemonte di Rfi: «Abbiamo già realizzato i nuovi marciapiedi e i vani per gli ascensori, che saranno collocati nei prossimi mesi. Adesso realizzeremo le nuove pensiline e poi anche i servizi igienici. Quindi aggiungeremo anche accessori importanti quali un nuovo sistema di altoparlanti, una serie di mappe tattili e soprattutto la doteremo di Wi-fi. Senza dimenticare il risparmio energetico, grazie anche all’illuminazione a led che verrà presto introdotta». Il progetto complessivo, che sarà però completato non prima del prossimo anno, prevede anche la riqualificazione del sottopasso, che ha sempre creato molti problemi di manutenzione. Conclude il consigliere comunale delegato ai rapporti con Rfi, Pietro Ferrero: «Da sempre dobbiamo registrare un grande spirito di collaborazione tra Rete ferroviaria italiana e il Comune. Tempo fa, abbiamo presentato le nostre richieste per un restyling completo e funzionale e, con soddisfazione, vediamo che, pian piano, questo si sta realizzando».
Valter Manzone