Don Arice è il nuovo superiore generale del Cottolengo

TORINO Don Carmine Arice, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei, è stato eletto sedicesimo superiore generale della Società dei sacerdoti di san Giuseppe Benedetto Cottolengo e padre della Piccola casa della divina provvidenza, di fatto il presidente di tutta l’opera. Di origini pugliesi, ma strettamente legato a Torino, dove ha ricoperto importanti incarichi nella congregazione, don Arice è anche collaboratore della rivista paolina Benessere. La presenza cottolenghina tra Alba e Bra è molto apprezzata.

Il vescovo di Alba, monsignor Marco Brunetti, ha espresso l’augurio al nuovo responsabile del Cottolengo perché insieme alle sue comunità possa svolgere con passione e carità l’apostolato al servizio degli ultimi e dei malati.