Grande festa con banda e majorettes per la Sagra di Guarene

GUARENE Ad aprire le celebrazioni della quarantesima Sagra vendemmiale, domenica 17 settembre, dopo la Messa solenne, una esibizione delle majorettes e della banda Folklore del Roero di Vezza, che dalla chiesa parrocchiale hanno raggiunto il municipio e la piazza della chiesa dell’Annunziata, dove i banchi di prodotti tipici, pere Madernassa e artigianato locale hanno attirato l’attenzione di molti curiosi.
Ecco le foto della mattinata di festa:
Lo stand del consorzio della pera Madernassa durante l'ultima Sagra vendemmiale di Guarene
L’Amministrazione comunale di Guarene ha reso omaggio a tre concittadini, assegnando loro il premio speciale che porta il nome del paese.
A consegnare la pergamena, il sindaco Franco Artusio, insieme ai colleghi dell’Amministrazione guarenese e a numerosi sindaci e vicesindaci del Roero.
I premiati sono stati Giovanni Rodda, classe 1924, con la seguente motivazione:
“La terra lo ha cresciuto e forgiato, donandogli l’umiltà di chi ogni giorno le destina tutto il tempo ed il vigore, consapevole che essa è il nutrimento e la materia di cui è fatta la vita.
Per la perseverante dedizione al lavoro, a lui, mite e silenzioso milite delle nostre secolari tradizioni contadine, i Guarenesi consegnano il meritato riconoscimento.”
Il premio per Aldo Ferrero, nato nel 1923, è stato motivato così
“Dopo una vita di faticoso lavoro in campagna ora condivide il suo tempo con gli amici della Casa di Riposo, dove soggiorna. Di animo generoso e nobile, offre spontaneamente il suo servizio a favore degli anziani invalidati dall’età. Per il suo prezioso esempio di altruismo i Guarenesi lo ringraziano e lo premiano con la loro riconoscenza.”
E dopo due decani del paese, il premio è stato assegnato a un giovane agricoltore, Marco Ferrero, in omaggio al suo slancio verso il futuro. Ecco le parole che hanno accompagnato la consegna della pergamena.
“Lavorare la terra non è un ritorno, non un ripiego, ma una scelta libera sostenuta da una tradizione mai interrotta, da un fuoco mai estinto. Importante per un futuro sostenibile preservare l’essenza contadina del Roero. Riconoscendo il beneficio e la nobiltà del suo impegno di giovane agricoltore, Guarene lo ringrazia e porge a lui il degno riconoscimento.”
Ecco le immagini della premiazione
v.p.