Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Inaugurata a Barolo la mostra dedicata al pittore russo Marc Chagall

BAROLO E’ stata inaugurata, ieri sabato 9 settembre, con il taglio del nastro da parte del Vescovo Marco Brunetti la mostra: “Bibbia e sacro vino” dedicata all’opera del grande pittore russo Marc Chagall. La mostra sarà ospitata fino al 24 settembre nell’Aula Picta dell’ex confraternita di Sant’Agostino in Piazza Faletti.
Alle 17 si è tenuta la Messa presieduta dal vescovo Marco Brunetti nella chiesa di San Donato, cui sono seguiti la presentazione della mostra da parte del curatore Fabio Carisio, il saluto del sindaco di Barolo e dello stesso Vescovo, una breve relazione di don Lorenzo Costamagna sul vino nella Bibbia e l’ascolto di alcuni brani musicali.
In esposizione: 14 acqueforti di Marc Chagall appartenenti a una collezione privata. L’organizzazione è di Art & wine club, con il sostegno di Barolo art e il patrocinio della Diocesi, del Comune, dell’Associazione paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato.
Da Lote le sue figlie al Cantico di Davide, le opere in esposizione sono il frutto del lavoro iniziato dal pittore russo nel 1931, dopo un viaggio in Palestina su sollecito del suo gallerista,e stampato nel 1956.
Nel complesso sono centocinque le incisioni realizzate da Chagall a partire da episodi biblici. Acqueforti che saranno protagoniste della prossima primavera albese, in occasione di una mostra nella chiesadi San Domenico.
Nel frattempo, l’esposizione di Barolo consentirà di avvicinarsi al tema e comprenderne i risvolti, come spiega Fabio Carisio, presidente di Art&wineclub: «Grazie a Barolo art e al contributo dei sostenitori, siamo riusciti a metterci in contatto con il collezionistache possiede le opere di Chagall e ad allestire l’esposizione che rappresenta il culmine di un anno di studi e ricerche. Le quattordici acqueforti hanno per soggetti episodi dell’antico testamento che hanno attinenza con il vino. Accanto alle incisioni, sono stati selezionati 16 artisti, chiamati a esprimersi sul tema della mostra». Alcuni sono originari della nostra zona: Pierflavio Gallina e Osvaldo Mascarello di La Morra, Carla Ghisolfi di Monforte, Feny Parasole di Cherasco ed Elisa Vaschetti Longo di Ceresole.