La Regione stanzia i fondi per ultimare il polo sanitario della valle Belbo

VALLE BELBO La Giunta regionale ha stanziato i 18 milioni e mezzo di euro necessari a completare l’ospedale della Valle Belbo, tra Nizza e Calamandrana. La somma è suddivisa in 2 milioni e 720mila euro di anticipo (con le risorse del fondo sanitario accantonate nell’esercizio 2015), della quota che potrà essere introitata a seguito dell’alienazione dell’immobile dell’ospedale di Nizza Monferrato, e in 15milioni e 780mila euro di contributi regionali del consuntivo 2016. In totale, la spesa prevista per la struttura è di oltre 43 milioni di euro. Oltre 15 milioni sono le spese già sostenute dall’Asl di Asti che è stata anche autorizzata dalla Regione ad accendere un mutuo decennale da 10 milioni.

«La Giunta Chiamparino si era impegnata fin dall’insediamento a completare il presidio sanitario della Valle Belbo. Ora abbiamo stanziato la parte residua di risorse indispensabile a terminare i lavori. I 18 milioni e 500mila euro ci sono e serviranno a dotare la zona di una realtà sanitaria in linea con la programmazione regionale», ha commentato l’assessore alla sanità Antonio Saitta.

Il polo sanitario della Valle Belbo avrà un punto di primo intervento h24, una postazione del sistema di emergenza territoriale, 40 posti letto di continuità assistenziale a valenza sanitaria, poliambulatorio polispecialistico, chirurgia ambulatoriale semplice e complessa, radiologia diagnostica, recupero e riabilitazione funzionale, dialisi ad assistenza limitata, centro di salute mentale e centro diurno per pazienti psichiatrici, hospice con 10 posti letto, ospedale di comunità con 15 posti letto, servizi di front-office per il cittadino e postazioni per i medici di medicina generale. «Sarà completato il cantiere e garantito un servizio di qualità nel Sud astigiano, con un presidio sanitario moderno e adeguato», conclude l’assessore Saitta.