Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Una grande festa per decima edizione di Corri sotto le torri. Ecco le foto

ALBA  È stata una grande festa, affollata e colorata la decima edizione di Corri sotto le torri – Alba nel cuore, graziata anche dalle nuvole che si sono diradate, lasciando spazio al sole.  Così, con un migliaio di iscritti, quasi centocinquanta bambini partecipanti e un gran numero di camminatori decisi a sostenere, iscrivendosi alla passeggiata Alba nel cuore, l’allestimento di una stanza nel nuovo ospedale di Verduno, la decima edizione della manifestazione organizzata da Triangolo sport va in archivio, con la soddisfazione del patron Massimo Casagrande, che ha già lo sguardo proiettato verso il prossimo impegno: l’ecomaratona in programma tra 45 giorni.

A rendere ancora più spettacolare la manifestazione ci hanno pensato le esibizioni delle cheerleader della palestra Titans e quelle degli sbandieratori della città.

Domenica 10 settembre, a dare il via agli atleti, in piazza Garibaldi, c’erano il sindaco Maurizio Marello, con gli assessori Fabio Tripaldi e Alberto Gatto ed il consigliere delegato allo sport Claudio Tibaldi.

A partire per primi sono stati i bambini fino a 14 anni. Poi gli adulti e la camminata “Alba nel cuore”, in coda alla corsa percorsa anche dall’assessore alle manifestazioni Fabio Tripaldi e da Daniele Galliano campione di Corri sotto le torri per cinque edizioni.

È giunto per primo al termine del percorso di 8 km nel centro cittadino Davide Scaglia, che già era arrivato primo al traguardo nella passata edizione. I primi a raggiungere l’arrivo tra i bambini, al termine di un percorso di un chilometro, intorno alla cattedrale, sono stati Rubens ed Elena dell’Atletica Alba.

Ecco una fotogallery, realizzata da Severino Marcato, della manifestazione non competitiva.

 

In parallelo, si è corso il Gran premio dei Borghi albesi, che aveva messo in palio, per il primo a giungere al traguardo, ben 100 bottiglie di vino della Giordano vini. Le contrade cittadine hanno fatto a gara per reclutare gli atleti più in forma e, a distinguersi, è stato il borgo di San Martino, che ha piazzato due campioni nella porzione alta della classifica. Se primo, infatti, è arrivato Alessandro Arnaudo, che correva per Santa Rosalia e ha dedicato idealmente la vittoria a Candido Alessandria, lo storico presidente del Borgo da poco scomparso, al secondo e al quarto posto sono arrivati i due campioni di San Martino: Salvatore Palumbo, col pettorale 231, e Francesco Dolce, col numero 414. Al terzo posto nel Gran premio dei Borghi si è invece piazzato Piero Bello, portacolori del Borgo del fumo, col pettorale 237.

Eccoli qui sotto, nella foto, insieme a Davide Scaglia, il primo da sinistra, e all’organizzatore Massimo Casagrande, l’ultimo a destra.

Da sinistra: Davide Scaglia, Francesco Dolce, Piero Bello, Salvatore Palumbo, Alessandro Arnaudo e Massimo Casagrande

 

«Una manifestazione che arriva a dieci anni non è un fatto scontato –  ha detto il sindaco Maurizio Marello all’evento – C’è stata sempre la capacità di innovarla inserendo sempre cose nuove ed è diventata davvero una bella iniziativa per cominciare l’autunno albese. Grazie a Massimo Casagrande ed a tutti i collaboratori di Triangolo Sport Langhe Monferrato Roero».