Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Reinhold Messner: «Bisogna recuperare la cultura della montagna»

MESSNER Il leggendario alpinista ed esploratore Reinhold Messner ha inaugurato a Valloriate il “Nuovi mondi film festival”, ideato e realizzato da Silvia Bongiovanni e Fabio Gianotti dell’associazione Kosmoki in collaborazione con il comune e altri sponsor pubblici e privati.

Per buona parte della giornata l’alpinista è stato accompagnato dall’assessore regionale allo Sviluppo della Montagna, Alberto Valmaggia. «Per il territorio cuneese è stata una grande opportunità avere Messner come ospite» afferma Valmaggia, che prosegue:«Una persona straordinaria che, attraverso le sue imprese e i suoi racconti, è riuscito ad affascinare tutti e a regalare momenti di magica emozione».

Messner ha parlato della propria professione: «L’alpinismosi è sempre evoluto attraverso l’impossibile. Le nuove generazioni di scalatori hanno superato quello che le generazioni prima avevano già definito impossibile. Poi, naturalmente, quando l’impossibile di ieri è stato vinto, altre sfide sono diventate impossibili. E così è andato avanti l’alpinismo per decine di anni. Ho raccontato e racconto questa catena di distruggere l’impossibile di ieri e di far nascere e crescere un altro impossibile di oggi».

Oltre a parlare della propria vita, Messner ha lanciato un messaggio sul problema dello spopolamento  delle terre alte: «Per le istituzioni è diventato troppo costoso riportare in montagna le persone andate via. Solo per fare alcuni esempi: si devono costruire strade, portare l’acqua, fornire il medico. In futuro sarebbe già un successo riuscire a tenere in montagna le persone che ci sono oggi. Una giovane famiglia per andarci a vivere deve avere molta energia e voglia di soffrire. Le speranze ci sono ancora, ma bisogna superare la cultura della città al momento vincente e recuperare la cultura della montagna che, purtroppo, è parzialmente andata persa. La chiave è rappresentata dalla somma di turismo e agricoltura. Con i prodotti venduti o cucinati sul posto, perché se li vuoi mettere sul mercato e commerciare attraverso i canali classici hai già perso in partenza».

Di sera, al Palazzetto dello Sport di Cuneo, Messner ha portato in scena l’incantevole racconto sulle cime più alte e spettacolari del mondo, concludendo anche il Montagna Festival partito lo scorso 24 novembre.