Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Sul palco della Fiera vezzese, tartufi e vini dal 19 al 26 novembre

FIERA Tutto pronto per l’inaugurazione della 37ª Fiera regionale del tartufo e dei vini del Roero, che il paese di Vezza dedica alle eccellenze enogastronomiche e al folklore del territorio.
Dal 19 al 26 novembre Vezza proporrà una serie di incontri, degustazioni, spettacoli, mostre, serate all’insegna del divertimento e, novità assolute di quest’anno, caccia al tesoro e ricerche simulate del tartufo nella tartufaia didattica di Valtesio.

L’inaugurazione sarà domenica 19 novembre alle 10 nella confraternita di San Bernardino, dove si terrà il conferimento della cittadinanza onoraria e la consegna del tartufo dell’anno, offerto da Andrea Rossano, al celebre designer Italo Lupi.

Nella stessa sede sarà allestita l’esposizione di tartufi a cura di Tartufingros e sarà presentato il video Progetti di valorizzazione del territorio Roero. All’interno della confraternita si potranno ammirare i lavori degli alunni della scuola primaria che hanno svolto alcune attività con i trifolao nelle settimane scorse.

Anticiperà l’inaugurazione della Fiera la sfilata del gruppo sbandieratori di San Damiano e della banda musicale vezzese La paesana, in piazza San Bernardo.
Dopo il pranzo a cura della Pro loco nel salone delle manifestazioni, pomeriggio in compagnia di attrazioni e spettacoli per grandi e piccini con l’angolo degli animali, il villaggio dei bimbi, il laboratorio dei mestieri e l’esibizione di gruppi musicali itineranti per le vie del centro storico. Alle 16 lo spettacolo dell’Orkestramba nel salone e per concludere aperitivo con le Cheerleader.
Per tutta la domenica, fino alle 19, funzionerà un servizio navetta gratuito con partenza da piazza San Carlo, in frazione Borgonuovo.
«Una bella opportunità per scoprire Vezza, i suoi prodotti enogastronomici, i vini e il tartufo », commenta il sindaco Carla Bonino. «Importanti realtà artigianali locali saranno presentate nella grande rassegna della Piazza delle eccellenze, una delle novità di questa edizione».

Nicolas Roncea