Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Dopo l’Unesco, agisco: i premi e la conferenza della scienziata Amalia Ercoli Finzi

ALBA L’evento di chiusura  della terza edizione di “Dopo l’Unesco, agisco!”, giovedì 14 dicembre, al Sociale, avrà come ospite  d’eccezione Amalia Ercoli Finzi, scienziata e ingegnere italiana, protagonista di alcune delle più importanti esplorazioni spaziali, tra cui la missione Rosetta. La sua lectio magistralis, “Andar per Langhe e Monferrato… e per pianeti”, metterà a confronto i paesaggi planetari e stellari con quelli del vino premiati da Unesco. E se la conferenza della scienziata occuperà la prima parte della mattina, a partire dalle 9.30, dopo ci sarà spazio per una presentazione del museo del tartufo e della sua duplice sede, ad Alba e a Montà, prima di arrivare alle premiazioni delle squadre, che si sono distinte tra le 32 partecipanti.

Il concorso

 

L’edizione 2017 del gioco-concorso è stata animata dalle squadre di 32 Comuni, che si sono contese il primato proponendo le azioni di singoli cittadini, aziende, scuole o dei Comuni stessi per rendere più accogliente il territorio. 339 quelle che hanno passato la selezione su oltre 500 inviate.

I punteggi che hanno determinato la classifica dei Comuni vincitori derivano dalla somma dei voti ottenuti dal caricamento delle azioni sul sito www.ioagisco.it, dal giudizio dei cinque esperti e attraverso le preferenze espresse dai cittadini. Il gruppo degli esperti è formato da: Alessandra Aires architetto paesaggista, Bruna Biamino fotografa, Carlo Tosco storico dell’architettura e del paesaggio, Gianni Farinetti scrittore, Roberto Vaccà direttore creativo.

La classifica

Al primo posto la squadra del Comune di Canelli  con 41.927 punti, che si aggiudica il gradino più alto del podio grazie al coinvolgimento di tutta la popolazione, dal Comune, ai cittadini alle aziende.

Secondo posto ad Alba  con 39.120 punti e 72 azioni pubblicate dal Comune, da piccoli gesti a grandi interventi di miglioramento della città.

Terzo posto a Cella Monte  con 28.751 punti.

Ai piedi del podio, due Comuni si sono distinti con iniziative molto belle quanto numericamente interessanti: Cherasco (CN) che ha totalizzato 23.374 punti e Vignale Monferrato (AL) con 22.550 punti.

I migliori progetti

Le realizzazioni che hanno meritato i maggiori punteggi nelle 5 categorie di concorso sono:

  1. Settore artistico: Vertical Mobbing, pubblicato dal Comune di Canelli (AT), che mette in pratica il progetto di Mark Cooper con un’immagine fotografica del logo dell’UNESCO realizzata con le persone, protagoniste della composizione (1099 punti);
  2. Pollice verde: Un bosco per la città, pubblicato dal Comune di Alba (CN), che comprende il ripristino e la creazione di aree verdi intorno e dentro la città con la messa a dimora di 50 piante autoctone da parte dei ragazzi di alcune scuole medie della città (1055 punti);
  3. Recupero e valorizzazione: Lavori di riqualificazione e rifunzionalizzazione del Castello Falletti di Barolo, realizzato dal Comune di Barolo (CN), 1008 punti;
  4. Accoglienza: Una piazza per sedersi, un’originale iniziativa del Comune di Coazzolo (AT) per utilizzare le antiche ceste intrecciate a mano dagli abitanti del paese come sedute per uno spazio-simbolo della comunità (800 punti);
  5. Pulizia ambientale: Giornata della pulizia ambientale della città, organizzata dal Comune di Canelli (AT), 743 punti.

 

«Dopo l’Unesco, agisco!’si conferma un’iniziativa preziosa, capace di farsi portatrice di importanti valori, dalla tutela dell’ambiente all’impegno a promuovere la bellezza sul proprio territorio», dichiara Antonella Parigi, assessore alla cultura e al turismo della Regione. «Obiettivi che devono essere condivisi da tutti, cittadini, imprese e istituzioni, con l’impegno di costruire una visione condivisa per garantire lo sviluppo, ma anche per preservare queste aree e la loro importanza naturalistica e culturale».