Per San Nicolao l’obiettivo adesso è a quota 86mila metri quadrati di terreno

Gino Scarsi mostra il pannello illustrativo dell'Oasi di San Nicolao

CANALE È stata una festa corale, quella del 26 dicembre, per sottolineare il risultato raggiunto dalla campagna di acquisto terreni “Più cinquantamila” per l’ampliamento dell’Oasi di San Nicolao. I volontari di Canale ecologia, insieme al Comune e a Natural life international, copromotori dell’iniziativa, hanno dato appuntamento ai roerini nella chiesa di San Giovanni, per fare il punto della situazione.

A un anno dall’avvio della campagna per ampliare l’oasi, sono circa 150 le donazioni effettuate da privati e una cinquantina quelle di enti, per un totale di circa 40mila metri quadri. «Non abbiamo raggiunto la meta ma non demordiamo: confidiamo nell’esito positivo delle richieste di aiuto inoltrate alla fondazione Crc, a Egea e a Banca d’Alba», spiega Gino Scarsi, ambientalista e consigliere dell’associazione Canale ecologia. «Anzi, abbiamo ampliato il nostro obiettivo: nel prosieguo della campagna, infatti, abbiamo ricevuto altre offerte di terreni, prefiggendoci di raggiungere 86mila metri quadri, suddivisi in 12 lotti, con una spesa complessiva di 60mila euro». L’ampliamento dei terreni di proprietà dell’associazione naturalistica è un tassello importante verso il riconoscimento dell’Oasi di San Nicolao come parco naturale regionale.

Bosio: «Fieri di lasciare qualcosa di concreto alle generazioni future»

«È cresciuta la sensibilità della cittadinanza, fiera di lasciare qualcosa di concreto alle generazioni future», racconta Giovanni Bosio, presidente di Canale ecologia. Anche l’Amministrazione comunale ha manifestato la volontà di sostenere la campagna di acquisizione terreni, con un versamento di 6mila euro (uno per ogni abitante), ricordando le opere compiute a salvaguardia dell’ambiente: dalla pulizia dell’area vicino a Casa natura, alla bonifica dell’eternit negli edifici pubblici, all’istituzione di un albo dei compostatori, con l’attribuzione di uno sconto del 20% sulla raccolta differenziata.

«Abbiamo effettuato un notevole investimento con la sostituzione dei punti luce e fornito di teleriscaldamento edifici pubblici e privati, in un’ampia zona del paese. In primavera», spiega il sindaco Enrico Faccenda, «verranno appaltati i lavori per la costruzione di un piccolo bivacco vicino a Casa natura, che potrà essere utilizzato come sosta dalle persone che percorreranno il sentiero in mountain bike, ma anche un punto riparato per scuole e associazioni. Ciò è stato possibile grazie all’adesione al progetto “Roero bike tour”, che ha fruttato un contributo di 50mila euro, a cui vanno sommati 10mila euro di fondi comunali, con l’intento di far diventare quella zona la sede del futuro parco regionale».

Nel numero di Gazzetta in edicola dal 3 gennaio la planimetria dell’Oasi di San Nicolao con le aree già di proprietà, quelle per le quali sono state avviate trattative e quelle da comprare.

Elena Chiavero