Gli allievi del liceo a New York per fare i diplomatici all’Onu

BRA Il 28 febbraio otto studenti del liceo Giolitti-Gandino di Bra e due studentesse del liceo Soleri-Bertoni di Saluzzo si imbarcheranno a Milano Malpensa diretti a New York, nell’ambito del progetto Mun (Model united nations), promosso dall’Organizzazione delle Nazioni unite. I braidesi Carola Dabbene (della classe terza), Arianna Foglino, Enrico Conforto, Giorgio Fagnola, Martina Ciravegna, Matteo Tavella, Paolo Boglione, Simone Manzone (quarta), nonché le saluzzesi Aurora Cavallo e Cristina Rinaudo (terza), simuleranno insieme ad altri studenti provenienti da tutto il mondo un processo diplomatico internazionale all’Onu.
Durante la simulazione, che durerà tre giorni e avrà sede al Palazzo di vetro, i ragazzi si caleranno nei panni di una commissione diplomatica che rappresenterà idealmente un Paese membro assegnato loro in maniera casuale, nel caso specifico la Lettonia. Affronteranno varie tematiche di geopolitica internazionale relative alla nazione rappresentata e durante la giornata finale voteranno le risoluzioni adottate.
La partecipazione è stata organizzata tramite l’associazione United network, che ha selezionato gli studenti attraverso un test di lingua inglese e li ha preparati con un corso, tenuto sempre in inglese, incentrato sulla conoscenza dell’attività diplomatica e delle tematiche affrontate all’Onu.
«Il progetto è stato scelto dalla scuola in quanto altamente formativo ai fini delle eventuali scelte universitarie e lavorative future degli studenti», afferma la professoressa Daniela Oddenino del liceo braidese, responsabile dell’iniziativa, la quale accompagnerà i ragazzi a New York. Qui avranno inoltre l’opportunità di incontrare la delegazione italiana all’Onu, nonché di visitare la Grande Mela.
Il rientro è previsto a Milano per l’8 marzo; Enrico Conforto, Giorgio Fagnola, Martina Ciravegna, Matteo Tavella e Simone Manzone atterreranno invece all’aeroporto romano di Fiumicino per partecipare a Civitavecchia alle semifinali delle Olimpiadi della cultura e del talento.
Chiara Genta