I giudici di Pordenone hanno inflitto una pena di 5 anni di reclusione a un sinti di Alba

Il carcere Montalto di Alba

CRONACA I militari della Stazione di Alba, oggi, giovedì 15 febbraio, hanno tratto in arresto un cittadino di origine sinti, su ordine dell’Autorità giudiziaria di Pordenone.

L’uomo si trovava già in regime di detenzione domiciliare presso in campo nomadi Pinot Gallizio. Il nuovo arresto è stato eseguito per permettere l’esecuzione della pena comminatagli, pari a cinque anni per associazione per delinquere finalizzata alla consumazione di reati contro il patrimonio. Secondo i giudici è da attribuire all’uomo la commissione di svariati furti in abitazione non solo in Alba e in provincia di Cuneo ma anche nelle province di Vicenza, Treviso e Venezia. Per lui oggi si sono aperti i cancelli della casa di reclusione Giuseppe Montalto di Alba.