Need, un corto di adolescenti albesi, è in finale a Ragazzi e cinema

Nicola Soave, giovane attore di Guarene con all'attivo fiction Rai e musical Disney, è il protagonista di Need

ALBA A dieci anni riceve in dono la sua prima videocamera; per gioco inizia a realizzare video delle vacanze di famiglia e di iniziative scolastiche. A quindici anni, con Need, un corto realizzato insieme a un gruppo di amici, Giulio Pavesi, studente al liceo Cocito di Alba, è uno dei 10 finalisti in un prestigioso concorso di livello nazionale: Ragazzi e cinema di Igea marina. E ora attende con trepidazione la fase finale del concorso quando, dal 3 al 6 maggio, una giuria di esperti (la stessa che ha scremato le 120 opere giunte al concorso) e una giuria junior, composta da 100 ragazzi tra gli 8 e i 18 anni riuniti nel Teatro degli amici di Igea marina, selezioneranno il miglior corto e assegneranno i premi al miglior attore e alla miglior attrice, e ancora alla miglior regia, colonna sonora, soggetto e trucco.

Se la passione di Giulio per i video anima la sua vita da cinque anni, quella per la recitazione riempie le giornate di Nicola Soave, protagonista del corto, da ben di più. Nicola, guarenese, studente del Pinot Gallizio, ha all’attivo ruoli da protagonista in sceneggiati Rai fiction, spettacoli teatrali e in un musical della Disney. A farli incontrare è stata la scuola media Pertini, che hanno frequentato insieme fino all’anno scorso. Le loro passioni hanno coinvolto anche altri ex compagni di scuola e di sport e ognuno ha messo il proprio tempo e il proprio estro a servizio del progetto.

Insieme a Giulio e a Nicola, tanti amici appassionati di cinema

Racconta Giulio: «Volevamo realizzare un video tutto nostro, che non rispondesse a richieste scolastiche. Abbiamo messo ai voti vari temi e scelto poi di sviluppare quello del bullismo, ma da un’angolazione diversa». Lo spunto è arrivato da uno dei ragazzi, Stefano Alessandria. Giulio riassume: «Il protagonista è un bullo che, scoprendo di provare affetto per un cane, vittima degli scherzi dei suoi amici, si discosta dal gruppo e viene a sua volta emarginato. Confessa esperienze ed emozioni in un blog, che presto diventa virale e gli fa ottenere una prestigiosa borsa di studio per un’Università statunitense». Il cortometraggio è stato girato a Roddi in cinque sabati pomeriggio da settembre a dicembre. «Abbiamo investito tutte le nostre paghette e i risparmi in attrezzature e ora disponiamo di un piccolo set completo di microfoni, luci e una videocamera ad alte prestazioni, con la quale abbiamo realizzato le riprese in 4k», racconta Giulio. «La nostra amica Giorgia Tondi, che frequenta il liceo artistico Pinot Gallizio, ha disegnato la copertina del video; la colonna sonora è stata creata da noi, utilizzando brani di artisti indipendenti e suoni disponibili on line». Un produzione curata totalmente dai ragazzi, artigianale ma completa e accurata, quella realizzata dal Joyofvideoediting team di Alba, a cui auguriamo di distinguersi nella finale del concorso, a cui parteciperanno anche i video realizzati da quattro istituti superiori, tre scuole medie e due laboratori di cinematografia italiani.

v.p.