Piano di rilancio per frazione Lovera

BONVICINO Far emergere le potenzialità sommerse di Bonvicino, valorizzarne le peculiarità, rivitalizzare la partecipazione della popolazione e le occasioni di aggregazione sul territorio: questi sono, in sintesi, gli obiettivi del progetto “Love Lovera” per la riqualificazione di frazione Lovera. Il Comune, tramite la seconda tranche di finanziamenti del Piano nazionale per la riqualificazione delle aree urbane degradate di cui abbiamo parlato la scorsa settimana, riceverà 540mila euro. Si partirà dal recupero e dalla sistemazione del centro polifunzionale della frazione, in disuso da anni, per creare un “contenitore” adatto a ospitare iniziative e a generare processi di rivitalizzazione del tessuto sociale e di promozione del territorio.

Un progetto materiale e immateriale per contrastare l’isolamento di Bonvicino e farne affiorare le risorse nascoste. L’intenzione è di costruire ambienti pratici, funzionali, confortevoli e familiari riqualificando il fabbricato dal punto di vista energetico, strutturale, funzionale ed estetico. Sarà valorizzata la posizione panoramica, con vista sul Monviso. I locali dovranno essere utilizzati per scopi sociali, turistici e aggregativi contrastando così l’attuale marginalità socio-economica di Bonvicino e aumentando il livello di partecipazione attiva alla vita della comunità locale e del circondario. Sarà attivato un punto di ristoro che offrirà prodotti locali, una terrazza panoramica e un’area attrezzata per la sosta.
Il progetto porterà anche al recupero del percorso naturalistico di collegamento tra il centro di Bonvicino e frazione Lovera.

Spiega il sindaco Giuseppe Mondone: «Tra una ventina di giorni saremo pronti ad appaltare i lavori, che inizieranno indicativamente ai primi di maggio. Creeremo un gruppetto di giovani che gestirà il centro con un punto ristoro e l’organizzazione di eventi, attività e feste».

Giorgia Barile