Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Speciale di Famiglia Cristiana e Credere per i cinque anni di pontificato di papa Francesco

EDITORIA In occasione dei cinque anni dall’elezione di papa Francesco, il 13 marzo 2013, Famiglia Cristiana e Credere pubblicano Il volto inedito di Francesco, un ricco speciale con le immagini dei gesti e degli eventi più significativi del pontificato, con interventi di rilievo tra cui quelli di padre Antonio Spadaro, monsignor Dario Edoardo Viganò, il fondatore di Bose Enzo Bianchi e monsignor Vincenzo Paglia. Il numero è arricchito da interviste a esponenti femminili della Chiesa: la scrittrice e giornalista dell’Osservatore Romano Lucetta Scaraffia e la direttrice dei musei vaticani Barbara Jatta. Tra le testimonianze anche quelle di numerosi vip dello spettacolo, da Roberto Benigni a Claudio Baglioni a Pippo Baudo. Nello speciale viene anche rivelata e approfondita per la prima volta la speciale devozione che lega Francesco a San Pio da Pietrelcina, in occasione della visita del pontefice a Pietrelcina e San Giovanni Rotondo.

Perché Francesco piace tanto? Si chiede il direttore don Antonio Rizzolo nell’editoriale che apre il numero speciale abbinato a Famiglia Cristiana e a Credere. «È intervenuto su tanti temi che toccano la vita concreta delle persone», risponde. «Ma Francesco non si è limitato a parlare di questi argomenti. Ha incontrato direttamente le famiglie, gli altri cristiani, i giovani, le donne, gli operai… È l’incontro diretto che il Papa ha con ciascuno che tocca il cuore. Perché lui ha questa grande capacità di guardare dritto negli occhi, o di far capire, al telefono, che ti sta ascoltando davvero».

Ai cinque anni di pontificato di Francesco sono dedicati anche i numeri in edicola di Credere, Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, racconta il suo incontro a tu per tu con Bergoglio, e del mensile Jesus, con un’intervista esclusiva all’arcivescovo honduregno Óscar Rodríguez Maradiaga, coordinatore del C9, il consiglio dei cardinali che collabora più da vicino con Francesco nel governo della Chiesa e nella riorganizzazione della Curia romana.