Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Domenica 22 aprile s’inaugura sotto le torri il Festival di pianoforte

CONCERTI Dalla storica collaborazione tra il centro culturale San Giuseppe e l’Alba music festival nasce una nuova iniziativa musicale: Alba international piano festival, rassegna dedicata all’arte della tastiera concentrata in quattro domeniche tra aprile e maggio.

Il festival inizia domenica 22 aprile, alle 11, nella chiesa di San Giuseppe con Marco Pasini, solista di spicco e docente al Conservatorio di Napoli. Si è esibito in sedi di prestigio, dalla cappella Paolina al Quirinale, a Londra, Istanbul, San Pietroburgo e in Sudamerica. Il programma prevede la Sonata op. 106 di Ludwig van Beethoven, seguita da Venezia e Napoli di Franz Liszt, altra pietra miliare del repertorio pianistico.

Il 29 aprile il concerto con il parigino Bertrand Giraud, dotato della raffinatezza ed eleganza proprie della grande scuola transalpina. Anch’egli si è esibito in tutto il mondo; Jean Louis Petit e Jean Louis Dhaine gli hanno dedicato composizioni. Suonerà brani di Liszt (i Tre sonetti del Petrarca e gli Études d’exécution transcendante), Chopin e Chabrier, fino a György Ligeti (Musica ricercata).

Due grandi pianisti italiani nelle ultime due date

La rassegna proseguirà oltre Vinum, domenica 6 maggio, questa volta in sala Beppe Fenoglio, con un beniamino del pubblico albese: Andrea Bacchetti, tra i più interessanti pianisti delle ultime generazioni che proporrà, oltre a Johann Sebastian Bach, del quale ha inciso numerosi lavori per Sony, la Sonata K 333 di Mozart e un omaggio a Debussy nel centenario della morte.

L’ultimo concerto, domenica 13 maggio, sarà di nuovo in San Giuseppe con un giovane esponente della scuola pianistica italiana: Pietro Bonfilio, che, formatosi ai Conservatori di Milano e della Scozia si esibisce regolarmente in Italia e all’estero. Il suo programma include, oltre alla sonata Gli addii di Beethoven e le Rapsodie di Brahms, la Sonata in fa maggiore di Dmitrij Kabalevskij, compositore russo a cui Bonfilio ha dedicato un’incisione monografica.