Sotto la statua del vignaiolo saranno collocate 73 bottiglie di Barolo

LA MORRA Sono iniziati da alcuni giorni i lavori di  riqualificazione di piazza Castello. L’intervento ha richiesto l’abbattimento degli alberi e la rimozione delle aiuole e dei monumenti, che torneranno sul belvedere a lavori ultimati. Nel 1972, quando venne inaugurata la statua del vignaiolo di Antonio Munciguerra, nel basamento furono inserite una decina di bottiglie di Barolo, insieme a una pergamena con un messaggio per le generazioni future. Con la rimozione momentanea del monumento l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Marualuisa Ascheri ha voluto rendere omaggio a tutti coloro che furono coinvolti nella realizzazione dell’opera. Oltre al  sindaco, si sono alternati al microfono anche Giacomo Oddero, Lorenzo Accomasso e Giorgio Viberti, presidente della Cantina comunale che ha proposto di rifare lo stesso gesto non appena il monumento tornerà a svettare sulla piazza, collocando nel nuovo basamento 72 bottiglie, una per ogni produttore aderente alla Cantina e una settantatreesima con all’interno un nuovo messaggio.