Venerdì a Pollenzo la premiazione italiana del concorso Conoscere la borsa

CUNEO La fondazione Crc ha organizzato in provincia di Cuneo la premiazione nazionale della tredicesima edizione del concorso scolastico Conoscere la borsa che vede in gara gruppi di alunni di quarta e quinta degli istituti tecnici commerciali e dei licei impegnati a mettere alla prova le proprie conoscenze dei mercati finanziari.

I ragazzi sono avviati al discorso dell’economia attraverso incontri in classe con operatori del mondo della finanza e poi si mettono in gioco simulanto investimenti su un sito Internet dedicato. A ciascuna squadra viene assegnato un capitale virtuale di 50mila euro e un paniere di 175 titoli azionari nelle principali borse europee tra cui scegliere.

Il programma prevede la permanenza in Granda dei migliori della classifica italiana per tre giorni nel corso dei quali saliranno sulla cupola del Santuario di Vicoforte e visiteranno Torino. Il clou è previsto per venerdì 6 aprile a Pollenzo quando è prevista la visita all’Università di scienze gastronomiche e la premiazione del concorso. Il calendario prevede anche una lectio di Oscar Farinetti sul tema Ricordiamoci il futuro e, nel pomeriggio, la visita guidata alla sede della fondazione CRC, alla mostra “Piet Mondrian Universale – Immersive interactive experience” e al complesso di San Francesco a Cuneo.

Conoscere la borsa ha coinvolto, quest’anno, 35mila squadre in tutta Europa. Per quanto riguarda la provincia di Cuneo hanno preso parte al progetto 1.500 studenti divisi in 470 squadre iscritte da 18 scuole.

In Italia l’ha spuntata il team Azard del liceo Peano-Pellico di Cuneo, che ha chiuso i cento giorni di simulazione con un capitale virtuale di 56.103,49 euro. I campioni sono già stati a Parigi per la premiazione internazionale.

La squadra El cartello dell’Einaudi di Alba

Al quinto e sesto posto nazionale si sono collocati due team dell’Einaudi di Alba. La squadra El cartello, composta da Damiano Ghi, Nicolò Urgo e Samuele Habibi ha accumulato 54.187,69 euro mentre il gruppo Wall street pt2 degli studenti Elena Boschis, Luca Rabino e Sara Deljallisi ha portato il capitale a 54.177,53 euro. Per l’Einaudi le squadre erano seguite dalla referente Maria Anna Clerico.

Il team Wall strett dell’Einaudi di Alba

«Questa iniziativa, mette i nostri giovani a contatto con la quotidianità e il mercato, un mondo che ha dinamiche non sempre e solo accademiche», commenta il presidente della fondazione Crc Giandomenico Genta. «La possibilità di sperimentare strategie di investimento senza alcun rischio contribuisce a sviluppare un rapporto informato e responsabile con il denaro, particolarmente utile per il futuro di questi giovani cittadini».

Ecco le squadre meglio classificate delle scuole albesi che hanno partecipato: Mamma butta la pasta (Bruno Ciufo, Edoardo Bianco, Isabella Bornengo con la referente Santina Meo) del Cillario-Ferrero e Tri w Alba (Matteo Ripa, Simone Garello e Davide Volpe con la referente Ida Conforto) del liceo Cocito; mentre negli istituti braidesi i migliori sono stati: S.e broker (Mamadou Mara Abou, Diego Moriondo, Luca Alampi e Marco Milanesio con referente Alessandra Lodroni) del liceo Giolitti-Gandino; Poca team Brs (Nicolò Sandri, Andrea Sacco, Giacomo Tibaldi e Aurelian Pergjoni con referenti Ilaria Morra e Bruna Scigliano) del Guala e Le mitiche insieme (Coumba Dndiaye, Francesca Zorgnotti, Enrica Demarchi e Imane Ifri con referente Ivano Paola) del Mucci.