Sequestrati 1.600 articoli sospetti provenienti dal mercato asiatico

CRONACA Sono stati ben 1.600 gli articoli di vario genere sequestrati dai Finanzieri del Nucleo mobile della Tenenza di Fossano, all’interno di un esercizio commerciale fossanese. La merce posta sottosequestro dalle Fiamme gialle, per lo più bigiotteria e articoli da fumo, contravveniva il “codice del consumo”, poiché non era fornita di etichette in lingua italiana, né di istruzioni per l’uso, né, tantomeno, di avvertenze.

L’esercente responsabile delle violazioni di legge, una cittadina di nazionalità cinese, è stata segnalata alla Camera di Commercio di Cuneo per l’applicazione delle sanzioni amministrative previste, che possono arrivare sino ad un massimo di 25.823 euro, oltre al provvedimento di confisca e distruzione delle merci pericolose.