Anziana morì dopo una rapina. Chiesti 9 anni per i responsabili

POLLENZO Nove anni di carcere: è la richiesta del Pm di Asti Donatella Masia per i due rapinatori ritenuti, per parte, responsabili della morte di Mariangela Prandi, l’anziana di Pollenzo che, dopo l’aggressione una domenica pomeriggio, nel giugno del 2015, cadde dalle scale battendo, fatalmente, la testa. Nel corso dell’udienza di martedì scorso è stato discusso il rito abbreviato chiesto dagli avvocati difensori dei due giovani albanesi Dorian Gjoka  e Zef Ndreca, e degli altri imputati nel processo che dovranno rispondere in concorso della morte in conseguenza di alro reato. Per  Cristiano Quaglia, originario di Canale, l’accusa ha chiesto una condanna a 4 anni e due mesi e 5 anni e 6 mesi per Giuseppe Annaccarato di Bra, considerati i basisti della banda. Alla banda, di cui faceva parte anche un altro giovane albanese Pashk Pjetri, imputato soltanto per i furti e per ricettazione dell’auto usata per compiere la rapina che fruttò un misero bottino di pochi euro, un binocolo e un vecchio telefono cellulare. L’udienza è stata aggiornata al 10 luglio quando il giudice Federico Belli potrebbe già pronunciare la sentenza.

e.a.