Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

Bruno Ceretto è il presidente della Fondazione nuovo ospedale Alba-Bra

Bruno Ceretto

OSPEDALE Sabato 16 giugno si è tenuta, presso il repartino sperimentale del nuovo ospedale a Verduno, l’assemblea generale dei soci della Fondazione nuovo ospedale Alba Bra.

All’ordine del giorno l’elezione del nuovo consiglio di amministrazione che guiderà l’ente nel triennio 2018-2020. Oltre ai numerosi soci erano presenti anche il sindaco di Verduno Alfonso Brero in qualità di padrone di casa, il sindaco di Bra Bruna Sibille nella sua qualità di presidente della rappresentanza dei sindaci, l’ex direttore generale Asl Cn 2 Danilo Bono e il nuovo direttore Massimo Veglio.

Bruno Ceretto, noto imprenditore vinicolo e uno dei costituenti nel marzo 2008 della Fondazione, è stato eletto alla unanimità  nuovo presidente della fondazione.

Ceretto succede a Emilio Barbero che ha portato a termine con successo il proprio mandato. Dario Rolfo, invece, viene confermato alla vicepresidenza.

«Sono molto orgoglioso di essere stato eletto da tutti i presenti  presidente della Fondazione nuovo ospedale Alba Bra» spiega  Bruno Ceretto, che aggiunge: «Sono anche fortunato: la mia nomina arriva quando l’ospedale è in via di completamento. Naturalmente con l’anno nuovo inizierà un percorso straordinario, qui arriveranno le persone, nuovi medici, oltre a quelli bravissimi che già ci sono. Si apre un mandato molto impegnativo. Dobbiamo completare i nostri impegni pubblici nei confronti del nuovo ospedale, attraverso l’acquisto di macchinari all’avanguardia e realizzare un ambiente confortevole e piacevole. Lo facciamo non perché obbligati ma semplicemente perché vogliamo restituire al territorio quello che il territorio ci ha dato. L’ospedale è l’espressione della nostra riconoscenza nei confronti di tutta la nostra comunità. Vogliamo affiancare l’Asl Cn 2 a contribuire a realizzare un presidio di eccellenza a servizio di tutti».

Il nuovo consiglio, che resterà in carica fino al 2020, è composto dai seguenti consiglieri: Emilio Barbero, Pierangelo Franchi, Dario Stroppiana, Giancarlo Veglio, Marcella Brizio, Gianni Giordano, Paolo Giraudo, Nadia Gomba, Mauro Mollo, Carlo Porro, Eugenio Rabino, Serena Tosa e Sandra Lesina Vezza.

Il collegio dei revisori tutto al femminile vede, invece, le nomine a revisore effettivo di Sarah Prandi, Daniela Bordino e Maria Gabriella Rossotti. Lorenzo Sola e Luigi Minasso sono incaricati revisori supplenti.

L’assemblea è terminata con una visita al cantiere del nuovo ospedale, visita che ha fatto anche toccare con mano a tutti i presenti l’impegno profuso dalla Fondazione nuovo ospedale Alba Bra: dagli arredi delle stanze appena conclusasi, ai letti elettrici acquistati nell’autunno 2017 (di cui 138 già operativi negli attuali ospedali di Alba e Bra), al sistema di sollevapazienti in sicurezza (donato nell’autunno 2015 e in fase di installazione in tutto il nuovo nosocomio).

Fiore all’occhiello la radioterapia che proprio in questi mesi sta impegnando la Fondazione e, anche direttamente l’Asl Cn 2 grazie al supporto della regione Piemonte e della Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo nell’acquisto delle migliori attrezzature.

Tutti i presenti hanno potuto vedere da vicino l’area e il bunker che ospiteranno i macchinari, tra cui una Tac simulatore (comprensiva di lavori annessi e kit laser per simulazione) in fase di acquisto da parte della Fondazione.