Gli organizzatori di Cantè j’euv hanno consegnato due assegni

Nella foto, da sinistra: Roberto Gagna (Protezione civile), Pietro Rivetti, Franco Olocco, Matteo Sona, Luca Bruno e il delegato dei Vigili del fuoco di Sommariva Bosco

SOLIDARIETÀ Tanta l’emozione e la soddisfazione degli organizzatori del Cantè j’euv per il Roero, tenutosi a Ceresole il 24 marzo, che nel corso di questa settimana hanno consegnato in beneficenza il ricavato della manifestazione.

I 13 mila euro raccolti sono stati consegnati dalle mani del sindaco Franco Olocco e del suo vice Matteo Sona ai rappresentati di due associazioni della provincia Granda: 10.500 euro sono andati ai Vigili del fuoco di Sommariva Bosco per l’acquisto di una nuova autobotte e 2.500 euro al coordinamento della Protezione civile di Cuneo per la realizzazione di una struttura sanitaria mobile.

«Siamo molto soddisfatti di questo risultato e siamo felici di aver aiutato delle associazioni del territorio che, oggi, possono usufruire di contributi sempre più ridotti» commenta il sindaco Olocco, che prosegue: «Oltre a essere stata una grande festa, il Cantè j’euv è diventata un’occasione per sostenere queste realtà e dare loro la possibilità di continuare a lavorare».

Positivo anche il commento del vicesindaco Sona: «Siamo felici di essere riusciti a donare una somma così consistente. Abbiamo scelto di aiutare un gruppo di volontari come i Vigili del fuoco sommarivesi, direttamente attivi nel nostro paese e nei Comuni limitrofi. Non ci siamo dimenticati, però, della Protezione civile e abbiamo voluto sostenere anche il coordinamento cuneese come ringraziamento per la sua collaborazione costante e fondamentale».

Alla cerimonia erano presenti anche il consigliere ceresolese Stefano Nota, il vicesindaco di Guarene Piero Rivetti e il vicepresidente del sodalizio Pro loco per il Roero Luca Bruno. Piero Rivetti esprime la propria grande soddisfazione per la buona riuscita della manifestazione, che Guarene ha tenuto a battesimo nel 2000: «In diciotto anni siamo arrivati a donare oltre 200mila euro: questo risultato è davvero incredibile e ci rende profondamente orgogliosi».

Alessia M. Alloesio