Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Idee giovani al premio Ancalau

BOSIA Domenica 17 giugno, Bosia riaprirà le porte all’evento che in pochi anni le ha conferito un’inedita notorietà. Nel piccolo paese dell’alta Langa, fino al 2014, non era immaginabile un’impresa come il premio Ancalau. L’evoluzione è stata progressiva e rapida: l’Ancalau ha acquisito in breve tempo una fama invidiabile, grazie alla convinzione del patron di Eataly Oscar Farientti (primo premiato), del sindaco Ettore Secco e di Silvio Saffirio, pubblicitario di fama, legato per nascita al mondo di Langa.
«In molti ci dicono di ammirare, e perfino di invidiarci l’Ancalau, ma un langhetto non dà nulla per scontato e sa che se fai e insisti nel farlo, prima o poi qualcosa succederà. Talvolta capita prima del previsto, ma non è il caso di montarsi la testa», dichiara Saffirio.

La lunga giornata dell’Ancalau inizierà alle 9.45 con l’apertura dei banchi degli espositori delle eccellenze dell’alta Langa. Alle 10, ci sarà l’inaugurazione del murale dedicato a Luigi Einaudi, seguito dal primo laboratorio sul paesaggio di Langa, con gli interventi di due archistar: Andreas Kipar, noto architetto del paesaggio, e Alberto Rolla, progettista dello Juventus stadium. Alle 11, si terrà la premiazione del concorso artistico per le scuole. A mezzogiorno e alle 14, spazio a cultura, poesia e musica nella chiesa parrocchiale con Paolo Tibaldi e Mauro Carrero. Nel pomeriggio, alle 15, Piercarlo Grimaldi, rettore emerito dell’Università di Pollenzo, intervisterà il produttore di birra Teo Musso che riceverà il riconoscimento local-global. Alle 16.30, via al torneo delle idee dei giovani, i cui progetti saranno valutati da una giuria presieduta da Oscar Farinetti, che premierà con 10mila euro il lavoro più convincente. Infine, dalle 18, cibo, vini e musica con i cantastorie di Langa e, alle 20, gran finale con Carvè, lo spettacolo teatrale di Oscar Barile e Paolo Tibaldi.

«I parcheggi sono abbondanti, comodi e ben segnalati. Gli eventi sono all’aperto, ma abbiamo previsto la possibilità che si svolgano anche al coperto», afferma il sindaco.

Fabio Gallina