Alba: 79enne assolta dall’accusa di circonvenzione di incapace

La chiesa di Cristo Re. Il circolo Albanova è a sinistra, vicino ai campi da calcio.

ALBA È stata assolta perché il fatto non sussiste la settantanovenne residente in un paese delle Langhe accusata di circonvenzione di incapace. Secondo l’accusa, che aveva chiesto una condanna a due anni, era intervenuta per modificare le volontà testamentarie di una facoltosa anziana albese. Al processo si era costituita parte civile la parrocchia albese di Cristo Re che in alcuni testamenti precedenti all’ultimo era stata nominata tra gli eredi.