Canove di Govone: proseguono le indagini sulla morte di Roberta Perosino

CRONACA I Carabinieri di Bra indagano a 360 gradi sulla rapina avvenuta martedì scorso a Santa Vittoria, in frazione Cinzano. Una donna di circa cinquant’anni, di origine straniera ma da tempo residente in Italia, stava svolgendo alcuni lavori di giardinaggio fuori dalla sua villetta a metà mattinata. Era sola in casa. All’improvviso è stata raggiunta da un motociclista che è arrivato a forte velocità e non le ha dato tempo di reagire. L’uomo, con indosso un casco con la visiera scura, ha estratto una pistola e ha intimato alla donna di entrare in casa. Poi si è fatto consegnare denaro e gioielli ed è scappato a bordo della moto a gran velocità lungo la statale 231. Poco dopo la donna, molto spaventata dall’accaduto, ha chiamato il 112 e ha sporto denuncia. I Carabinieri hanno attivato le indagini per risalire al responsabile del colpo, che avrebbe fruttato un bottino di scarso valore e che è stato compiuto in pieno giorno, con una modalità piuttosto rumorosa. Si sarebbe trattato, comunque, di un episodio isolato.

Proseguono anche le indagini dei Carabinieri di Alba per individuare i rapinatori che, sabato 30 giugno, nel pomeriggio, hanno preso d’assalto il supermercato Diego market a Borgonuovo di Neive armati con un’ascia e una pistola, portando via dalla cassa duemila euro.

I militari al comando del capitato Giacomo Conte stanno lavorando anche per far luce su un furto compiuto in una casa che nelle scorse settimane ha scosso tutto il Roero. Quello ai danni di Roberta Perosino, la cinquantaquattrenne morta nella propria abitazione a Canove di Govone dopo aver scoperto la visita dei ladri. Dopo i funerali, sono ora attesi gli esiti dettagliati dell’autopsia sulla donna.

Erica Asselle