Dal 6 luglio la classica è sulle colline con l’Alba music festival

MUSICA Suoni dalle colline di Langa e Roero è la rassegna estiva dell’Alba music festival. Da undici anni porta la musica classica nei paesi dell’Albese e oltre, con concerti anche sulle colline alte, nella consapevolezza, secondo il direttore artistico Giuseppe Nova, «che l’arte e la cultura debbano essere, sempre più, parte integrante di una matura visione dello sviluppo».

La formula prevede quasi un concerto al giorno tra il 6 luglio e il 5 agosto, in luoghi suggestivi nei paesi o presso delle cantine. La serata inaugurale sarà venerdì 6 luglio, alle 21 nel castello di Verduno. Il titolo è Cibus e prevede divagazioni musicali e interventi letterari con David Riondino che interpreterà testi propri, di Pablo Neruda, Boccaccio e Cervantes. L’accompagnamento musicale è affidato alla chitarra di Giovanni Seneca e al clarinetto di Fabio Battistelli, che eseguiranno brani composti dallo stesso Battistelli. Spiega Nova: «Da qualche anno, con lo sviluppo della cultura enogastronomica, si è creato intorno alla cena, alla degustazione, un fiorire di animazioni, una rinnovata abitudine al convivio con musiche e letture. Nell’antichità i banchetti erano allietati da racconti brevi e di cibo si parla molto anche nelle fiabe e nella poesia: un esempio per tutti è Neruda con le sue odi al limone, al carciofo, alla patata».

La prima parte del programma proseguirà domenica 8 luglio, a mezzogiorno, con un appuntamento che è una costante del festival, fin dalla fondazione: il Concerto nel bosco a Monterotondo di Torresina, in alta Langa. Gli ospiti saranno il soprano Sung Hee Park, accompagnato da Alberto Cesaraccio all’oboe e dall’orchestra da camera Felice De Giardini, con Fabrizio Pavone nel ruolo di violino solista. Il repertorio comprenderà brani di Bach, Vivaldi e Mozart.