Pietre di Langa a Biella nel ricordo di chi è caduto nella Grande guerra

FEISOGLIO/CASTINO Ci sono anche due pietre di Langa arrivate da Castino e Feisoglio
nel percorso dedicato alla Grande guerra in via di realizzazione nell’area monumentale di Nuraghe Chervu, a Biella. Sulle pietre, il nome del paese e il numero dei caduti locali nella prima Guerra mondiale: 35 per Castino e 16 per Feisoglio. A lanciare l’iniziativa è stato il circolo culturale sardo Su nuraghe, di Biella, fondato nel 1978. Il progetto, che in un primo tempo era rivolto ai soli Comuni del Biellese, è stato poi invece esteso a tutti quelli di Piemonte  e Sardegna. L’iniziativa rientra nel programma ufficiale delle celebrazioni per il centenario della prima Guerra mondiale a cura dalla Presidenza del Consiglio. Il percorso verrà inaugurato il 4 novembre, a 100 anni dal termine del conflitto. Nei giorni scorsi anche Ceva ha fatto avere una pietra al Comune di Biella.

«Si tratta di un’iniziativa lodevole, alla quale abbiamo aderito molto volentieri. Una nostra delegazione sarà presente all’inaugurazione del 4 novembre», afferma il sindaco di Feisoglio Gian Fenoglio. L’area monumentale di Nuraghe Chervu prende il nome dal torrente Cervo ed è stata realizzata nel 2o08.

Corrado Olocco