Rimborsopoli: condannato Federico Gregorio, confermata la condanna a Giovanni Negro

Rimborsopoli regionale: chieste le condanne

TORINO Sono stati tutti condannati i 25 imputati del processo d’appello, a Torino, per la ‘Rimborsopoli’ degli ex consiglieri regionali del Piemonte. All’ex governatore leghista Roberto Cota, che in primo grado nel 2016 era stato assolto, sono stati inflitti un anno e 7 mesi di reclusione.

Tra i condannati c’è anche Riccardo Molinari, attuale capogruppo della Lega alla Camera; assolto in primo grado, è stato riconosciuto colpevole del peculato di 1.158 euro. Per lui la corte ha anche disposto l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici sospendendola comunque per 12 mesi. Tra i condannati figurano altri due parlamentari: il leghista Paolo Tiramani (1 anno e 5 mesi) e Augusta Montaruli di Fratelli d’Italia (1 anno e 7 mesi).

Tra i condannati anche l’attuale sindaco di Narzole Federico Gregorio (1 anno e 5 mesi) e il roerino Giovanni Negro per cui è stata confermata la condanna

Tra i nuovi condannati Michele Dell’Utri (1 anno e 6 mesi), , Massimo Giordano (1 anno e 6 mesi), Alberto Goffi (1 anno e 5 mesi), Maurizio Lupi (1 anno e 4 mesi) e la figlia Sara (1 anno), Roberto De Magistris (1 anno e 6 mesi), Rosanna Valle (2 anni e 4 mesi), Girolamo La Rocca (1 anno e 6 mesi), Lorenzo Leardi (1 anno e 6 mesi), Massimiliano Motta (2 anni e 2 mesi) e Angelo Burzi (2 anni e 4 mesi).

Confermata la condanna invece per Michele Giovine (4 anni e 6 mesi), Andrea Stara (1 anno e 10 mesi), Michele Formagnana (1 anno e 10 mesi),  Roberto Tentoni (1 anno e 7 mesi), Alberto Cortopassi (2 anni), Daniele Cantore (1 anno e 8 mesi).  Sono usciti dal processo, poiché hanno preferito patteggiare, gli ex consiglieri Angiolino Mastrullo (1 anno e 6 mesi) e Rosa Anna Costa (1 anno e nove mesi).
Ansa

 

Banner Gazzetta d'Alba