Ibrida, mostra d’arte contemporanea in Banca d’Alba

Il presidente di Banca d'Alba, Ernesto Cornaglia, all'inaugurazione

ARTE È stata inaugurata sabato scorso, nello spazio espositivo del palazzo Banca d’Alba, Ibrida, collettiva di dieci artisti esponenti dell’arte contemporanea, nati tra il 1929 e il ’33 – Patrizio Di Massimo, Maurizio Donzelli, Cch, Corinna Gosmaro, Luca Loreti, Elio Marchegiani, Michela Nosiglia, Namsal Siedlecki, Priscilla Tea e Alice Visentin – con uno spazio particolare dedicato a Marchegiani, pittore e scultore d’origini siciliane. L’esposizione, allestita a cura di Alberta Romano e Clarissa Tempestini, è stata realizzata in occasione dei 25 anni di Artissima, a Torino, e arriva ad Alba dopo essere stata al castello di Perno di Monforte, tra le sedi storiche della casa editrice Giulio Einaudi.

Orari d’apertura

La sala al piano terra di via Cavour 4 è stata da poco adeguata e migliorata da Banca d’Alba, «proprio nell’ottica, anche futura, di una maggiore funzionalità degli spazi per le esposizioni», dicono dall’istituto di credito. L’allestimento resterà visitabile fino al 13 gennaio, al venerdì dalle 15 alle 18; al sabato e alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.
In quest’occasione la mostra di Banca d’Alba è dedicata alle arti figurative e offre un allestimento che guarda alla contemporaneità e la ricerca più all’avanguardia.