Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Inizia a prendere forma il progetto Langa del sole

LA MORRA «Siamo soddisfatti di vedere concretizzarsi un progetto su cui abbiamo investito tanto, che allarga i concetti di comunità e inclusione e che permetterà al nostro territorio di valorizzare la sua storia e le sue risorse». Con queste parole il presidente della fondazione Crc, Giandomenico Genta, ha inaugurato la prima realizzazione del progetto Langa del sole, iniziativa di sviluppo locale per la promozione e la valorizzazione della Langa profonda. Il primo passo si chiama Diorama cycling outdoor e si trova all’interno della porta di San Martino, a La Morra: un luogo ad accesso controllato dove i cicloturisti saranno accolti da una mappa delle Langhe che, attraverso sistemi d’interazione mobile, offrirà informazioni sui paesi, svelando gli itinerari percorribili.

Attraverso un sistema di Qr code, il diorama fornisce delle informazioni su oltre sessanta Comuni e una panoramica sull’infrastruttura ciclo-escursionistica che li attraversa: i 124 chilometri dell’anello Bar to Bar (Barolo-Barbaresco) e i 60 chilometri della Gtl, la Grande traversata delle Langhe che unisce Santo Stefano Belbo fino a Saliceto.

L’installazione darà anche indicazioni sulle 28 stazioni dedicate al cicloturismo fornite con ricarica per e-bike, strumenti di manutenzione e informazioni turistiche. L’inaugurazione si è svolta all’interno di “Langa e-touring”, tavola rotonda dedicata al turismo outdoor nelle Langhe, settore su cui fondazione Crc e Regione Piemonte hanno deciso di investire. Oltre 3 milioni di euro sono stati stanziati per l’infrastruttura ciclo-escursionistica che toccherà non solo le Langhe, ma anche il Cebano, l’asta fluviale del Tanaro, l’alta Val Tanaro e le vallate del Monregalese.

Condivisione e concertazione sono state le parole chiave. «Non abbiamo bisogno di effetti speciali: li abbiamo già e sono il nostro territorio. Dobbiamo fare squadra e saper comunicare le nostre potenzialità», ha spiegato Ezio Cardinale, sindaco di Diano, Comune capofila dell’iniziativa Langa del sole, che coinvolge diciannove Comuni.

Un concetto sposato anche da Roberto Bodrito, presidente dell’unione montana Alta Langa e sindaco di Cortemilia: «Siamo 38 piccoli Comuni e il nostro intento è quello di lavorare su progetti in maniera condivisa, creando reti che coinvolgano non solo i paesi interessati». Durante il dibattito sono intervenuti, tra gli altri, Giuseppe Artuffo (presidente del comitato Wonderful outdoor week), Livio Genesio (vicepresidente unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo), Mauro Carbone (direttore dell’ente turismo Alba Bra Langhe e Roero), Marialuisa Ascheri (sindaco di La Morra), Giorgio Ferraris (sindaco di Ormea) e Giuliano Viglione (vicepresidente della fondazione Crc).

Ospite d’eccezione è stato Andrea Bruno, il campione italiano di mountain bike enduro, che ha provato le sette tappe del circuito Bike land che collega Barolo a Barbaresco. L’analisi è servita a dividere il circuito in percorsi singoli, selezionabili in base all’esperienza cicloturistica, che faranno parte di pacchetti turistici personalizzabili e integrabili con altre esperienze legate anche all’enogastronomia, e modellati sulle esigenze del singolo o della famiglia.

Daniele Vaira